Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
      Archivio News
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:846289


Home page

Inno all'amore a quattro voci

 

 

 

Ma ti stame vissin

dialetto di Verona

 

 

Né mi né ti

dialetto di Rumo in Val di Non

 

 

Cant de 'n grilét a na luna

dialetto di Sover in Val di Cembra

 

 

Paròle córte

dialetto di Trento

 

 

 

 

L'iscrizione al sito offre l'opportunità

di intervenire con propri commenti

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

  Ma ti stame vissin

 
  No stà parlarme adesso de l'inverno.
  Me sento ancora drent
  el canto de le rose
  i giorni enpiturè de fantasia
  le corse a brassi verti encontra ’l sol
  concerti de sigale
  saor de i primi basi
  e mile arcobaleni e mile fole.
  Pàrleme de l’autuno e i so colori.
  Gh’è ancora l’aria tivia
  che me caressa a pian
  e l 'orto pien de fiori
  el rossignol che fila
  la so malinconia
  el merlo che saltela
  sul verde del me pra.
  Te podarè parlarme
  del fredo de l'inverno
  quando me sentarò
  el cor cuertà de bruma
  quando no ghe sarà
  nissuni che me ciama
  per saludarme
  e strénzerme la man.
  Ma ti stame vissin.
  Con ti sempre darente
  l'inverno l'è lontan
  de là da l'orisonte.
 
 
 

Ascolta la poesia

 

 
Ma tu stammi vicino
Non parlarmi ora dell’inverno. | Sento ancora dentro di me | il canto delle rose | i giorni dipinti di fantasia | le corse a braccia aperte incontro al sole | concerti di cicale | sapore dei primi baci | e mille arcobaleni e mille favole. | Parlami dell'autunno e i suoi colori. | C'é ancora l'aria tiepida | che mi accarezza dolcemente | e l’orto pieno di fiori | l'usignolo che distilla | la sua malinconia | il merlo che saltella | sul verde del mio prato. | Potrai parlarmi | del freddo dell'inverno | il cuore coperto di brina | quando non ci sarà | nessuno che mi chiama | per salutarmi | e stringermi la mano. | Ma tu stammi vicino. | Con te sempre accanto | l’inverno è lontano | oltre l' orizzonte.
Bruno Castelletti

 

 

 

 

 

  Né ti né mi

 

  Pu che del bosc'

  g'en bisogn del so color

  pu che de viver,

  de amor.

  De sentirme struci

  'nt'el rumor de foie pestolade

  che le soleva el nos odor,

  cando staven auti sora el zel.

  Sen nati par florir,

  a doi a doi,

  senza en temp e senza na rason

  su sta re enruzemida

  come rose sclete

  e se ancia sgrafiadi da ste spine

  restan angordi de amor.

  E sen pan e temporal

  encozidi de colori

  e no g'è pu

  nè mi nè ti

  ma sol sto noi

  che me plas clamar

  amor.

 

 

 

Ascolta la poesia

 

 

Né tu né io

Più che del bosco/ abbiamo bisogno del suo colore/ più che di vivere/di amore./ Di sentirci stretti/ nel rumore delle foglie calpestate/ che sollevano il nostro odore,/ di quando stavamo alti sopra il cielo./ Siamo nati per fiorire/a due a due/ senza un tempo e senza una ragione/ su questa rete arruginita/ come rose schiette/ e se anche graffiati da queste spine/ restiamo ghiotti di amore./ E siamo pane e temporale/ sporchi di colori/ e non c'è più/ né me né te/ ma solo questo noi/ che mi piace chiamare/ amore

                                                                                  Carla Ebli

 

 

 

 

 

  Cant de 'n grilét a na luna


  sconfióna la nùgola spéssa
  che 'l sófi de aotùn che te scònde
  'l te fés da corona
  precìss come còcoi de lèpz
  al scorlar de la bòzza sinzéra
  e fàite ninàr da sta canta de gràgole
  perdùde 'n de 'l erba secàda dal vènt
  sqoasi a farte 'l amor tute 'nsema, petìzze
  putàna che ès ti, che esibìses la sbògia
  e làghes strangossi, mandòle scordàde,
  strengiudi 'n de n véder stranià da 'l tò lum
  po' pességa na cima a tegnìrte su 'l vél
  e sùbito 'l cant 'l se sconfonde a la nòt
  te spèto, doman, e 'ncòrdo l'archét
  veràs che te baso
  veràs...

 

 

 

Ascolta la poesia

 

 


Canto di un grillo a una luna...
spintona la nuvola turgida | ché il soffio d'autunno che ti ricopre | ti adorni con corone di fiori | come fossero bolle di vinacce svampite | quando scuoti la fiasca sincera | e fatti cullare dal canto di battole | sperse nell'erba inaridita dal vento | quasi a farti all'amore, tutte insieme, gelose | puttana tu sei che esibisci il tuo petto | e permetti singhiozzi a mandòle scordate, | avvinghiate allo sguardo straniato al bagliore | poi si affretta una cima a nasconderti il viso | e, improvviso, quel canto si scioglie nel buio | io ti attendo, domani, mentre intono l'archetto | vedrai che ti bacio, vedrai

Giuliano Natali (Diaolin)

 

 

 

 

 

  Paròle córte

 

  Se te vòi parlarme

  de afari che vèn dal còr

  no stà a 'nviar via filobèbole

  dròpa paròle córte

  come se te parléssi a 'n matelòt,

  dròpa coriandoi de colóri

  dal saór de le ampómole

  de fràgole de bósch.

 

 

 

 

 

Ascolta la poesia

 

Parole corte

Se vuoi parlarmi/ di affari che vengono dal cuore/ non iniziare lungagnate/ adopera parole corte/ come se parlassi a un bambino,/ adopera coriandoli di colori/ dal sapore di lamponi/ di fragole di bosco.

 

  Guido Leonelli

 

 

 

 

I versi sono protetti dai diritti d'autore

 

 

 

Per rispetto dell'ambiente:

se non vi è necessario, non stampate queste pagine!

 

 

 

 

 

 


Postato 2 Maggio 2019 -

Aggiungi commento | Stampa

Commenti:


Renata :
Renatagiovedì 2/5/2019. Ore 20.40
Che belle! Le ho lette tutte quattro.Le ho lette e rilette e poi ascoltate dalle voci intonate e appassionate dei poeti. Mi è mancata la melodia della poetessa, ma ho gustato ugualmente la poesia. Non è facile masticare i dialetti, specialmente per chi, come me, non possiede purtroppo nessun dialetto. Ma è meraviglioso questo sgorgare di passioni e sentimenti con purezza di espressione, senza la veste elegante delle grandi occasioni, sempre un po' stretta e castigata.
Grazie a tutti voi e per oggi devo fermarmi qui, ma cercherò di intervenire una prossima volta per riflettere e gustare ancora le vostre poesie, ad una ad una provando a superare le difficoltà che incontro nei vari vernacoli.
Grazie Guido. Idea geniale. Idea...poetica

guidoleonelli :
guidoleonelli03.05.1919 -ore 12.00-
Grazie Renata per aver aperto la strada con delle belle considerazioni, come tuo solito.
Come avrai capito, si tratta di un primo esperimento al quale spero possano seguirne degli altri. Nel frattempo anche Carla imparerà a fare la registrazione vocale in modo tale che si potrà sentire una "melodia" più fedele del suo dialetto da lei direttamente recitato, che a noi, credo sia d'accordo, è particolarmente caro.
Ti aspetto comunque ancora, come tu stessa dici, per poter sentire le tue impressioni in maniera più approfondita.

Giovanni :
GiovanniCaro Guido, che guizzo inaspettato ci hai proposto :-)
Evidentemente l'aria frizzante della Primavera, le sue fioriture precoci e gl'occhi sorridenti di Ivonne devono averti particolarmente ispirato in questo tuo ultimo post!
Non che il tuo poetar di cime e valli ci sia meno gradito, anzi: tuttavia posso dire che hai fatto benissimo: credo che siamo tutti d'accordo su cos'è "che move il sole e l'altre stelle"...
Spero così che questa tua estemporanea uscita dal sentiero, caro Guido, non rimanga un esperimento isolato, ma divenga una possibile alternanza di contaminazioni tematiche che il tuo blog possa accogliere. Ad majora!
Tra le bellissime poesie cui hai dato spazio, escludendo i tuoi versi -quasi- alla Quasimodo, e senza entrare nel merito delle questioni linguistiche rispetto ai diversi vernacoli (anch'io, come Renata, non sono un esperto...) "Né ti né mi" di Carla Ebli mi ha coinvolto maggiormente. Sarà perché leggo sempre nelle espressioni femminili un dolce mistero che a noi maschietti manca? Non so, nel frattempo invito chi non la conoscesse, ad andarsi a rileggere una delle più belle poesie a mio avviso mai scritte: "Aprile - Amore" di Mario Luzi.
Concludo con una citazione sempre a tema amoroso, ma in cui possiamo leggere quella cultura tutta orientale di un nichilismo composto, mai naufrago, né di fronte allo sguardo infinito che si apre dalla vetta della montagna, né davanti a un sentimento.
Un caro saluto a te, alla tua musa Ivonne e a tutti gli amici del sito.

"La profondità dell’amore crea un oceano intorno a te e tu diventi un’isola." (Buddha)

guidoleonelli :
guidoleonelli03.05.2019 -ore 18.15-
"Fiato alle trombe, Turchetti", direbbe l'indimenticato Mike Buongiorno.
Caro Giovanni, toh chi, inaspettato, si rivede e con quali dotti argomenti! Mi pare che quanto a guizzo di primavera sarebbe una bella gara dove tu sicuramehte primeggeresti!
Qui non si scherza e si va da Dante, a Mario Luzi "... l'amore annulla e dà principio..." http://www.potlatch.it/poesia/la-poesia-della-settimana/mario-luzi-aprile-amore/, a Quasimodo (?) per finire con Buddha.
Caro Giovanni, quando credevo di averti ormai irrimedialmente perso, penso che se era questo che tu volevi, avrei cercato di accontentarti prima, credimi. Anche perché certi miei sentieri, come dici tu, sarà per me e per la mia salute giocoforza abbandonarli.
Vedo, con piacere, che pur non ritenendoti, come Renata, esperto di dialetti, privilegi i versi femminili e credo non sarai l'unico; pur in assenza del fascino della voce di Carla che io indegnamente sostituisco.
Mentre io cercherò di migliorare, tu prenditi l'impegno di venire più spesso a trovarci: a questo picciolo sito, col fiato ormai corto, mancano voci.
E non mi resta che ricambiare il saluto, cui aggiungo un abbraccio, che vorrai condividere con la tua tutt'altro che silenziosa musa.

Carla :
Carla INTANTO BRAVO PER L'IDEA
POI BRAVI A TUTTI
PER L'ASCOLTO RINVIO A DOMANI PERCHE'ORA HO GENTE
CIAO Carla

guidoleonelli :
guidoleonelli03.05.2019 - ore 18.20-
Ciao Carla e grazie per il "bravo".
Sbrigati con colma i tuoi clienti, tu sai che io ti aspetto ancora qui: non facciamo scherzi!
Un abbraccio.

Carla :
CarlaRieccomi qua.
Certo che il tema dell'amore è tema tanto caro non solo ai poeti.
Sentirlo espresso nella musicalità dei dialetti commuove.
E mi commuove sentire i miei versi letti dall'amico Guido.
E come non ricordare Alda Merini: " Io non ho bisogno di denaro/Ho bisogno di sentimenti…"-" Ecco, fate l'amore e non vergognatevi,/ perché l'amore è arte / e voi i capolavori"
L'amore inteso in tutte le sue forme e in tutti i suoi oggetti.
Un sentimento che ci mette a confronto con il dualismo me e te. Il mio amore e l'(s)oggetto del mio amore.
Si è scritto molto e forse troppo sull'amore e allora viva le parole corte a cui ci invita Guido.

guidoleonelli :
guidoleonelli04.05.2019 - ore 16.45-
Ciao Carla!
Sapessi che contento che sono di averti commosso con la mia lettura. Pensa che a Malosco, paese a me assai caro, c'era un sindaco che quando mi incontrava non perdeva occasuione di dirmi "pecià Guido che no scrives en nònes" e immancabilmente io gli rispondevo: "pecià che ti no leges el trentin". Ma tu certamente sai quanti dialetti ha la Val di Non e quanto, molto spesso, siano diversi fra loro. Poi mi fa piacere che mi abbiano detto che Bocelli (cantato) stia alla tua posia come en fior su 'ntè na récia!
Osservo poi che il dualismo di cui parli tu nei tuoi versi è forse possibile ritrovarlo in parte anche nella mia della homepage ma io, a differenza tua, sono dell'avviso che dell'amore non si è mai parlato abbastanza. È della guerra che si parla (e non solo) sempre troppo!
Grazie per esserti prestata al gioco Carla ed ora permettimi di suggerirti, per una prossima volta che mi auguro ci sia, di imparare a reciatarle tu le tue poesie: sarò io allora a commuovermi.
Ciao con un abbraccio.

annamaria :
annamariaOh ma che bella sorpresa! Poesie stupende, da leggere, rileggere ascoltare e riascoltare; lo farò perchè ogni volta se ne coglie un accento in più . Diaolin è il nostro amico, vero? evviva! Bravo bravo, ora possiamo conoscerlo meglio. Anche a me piace particolarmente " Nè mi nè ti" anche perchè ritrovo la musica (per me lo è) del dialetto noneso. Molto efficace la tua, Guido: le parole corte sono quasi sempre le più pregnanti."Filobebole", "ampomole" sono quasi onomatopeiche!! Grazie Guido. Un caro saluto a te e a Ivonne.

guidoleonelli :
guidoleonelli04.05.2019 - ore 17.50 -
Cara Annamaria,
hai visto che sorpresa?! Con la collaborazione di tre amcici (anche Diaolin naturalmente!) che si dilettano come me a ... far versi e che si sono prestati a far cambiare, per una volta, fisionomia al mio sito.
E tu, per non far torto a nessuuno, sei prodiga un po' con tutti: brava. Grazie. Mi sarebbe piaciuto che qualcuno mi dicesse se si sente bene anche la prima, quella di Bruno, che ha qualche dubbio. Sentiremo qualche altro amico.
Comprensibile che, aldilà e oltre alla bellezza dei versi, a noi piaccia "Nè ti né mi": quel bel dialetto fa facilmente breccia nei nostri cuori. Chissà cosa dirà Renata che in Val di Non ci è nata!
"filobebole" della mia direi che più onomatopeico di così...
Grazie ancora e alla prossima, amica fedele!

avvbrunocastelletti :
avvbrunocastellettiCaro Guido,bella ,bellissima idea molto grdidita e molto apprzzata dagli amici del sito. Debbo a mia volta apprezzare la puntualità dei commenti che rivelano particolare sensibilità e competenzanello approccio non sempre agevole nel mondo della poesia.Per quanto mi riguarda posso aggiungere che ho apprezzato la folgorante sinteticotà della tua lirica,la forza poetica dei versi un pó ermetici dello amico Diaolin,la dolcezza in quelli della Ebli.Grazie Guido,una abbraccio amche a Ivonne e ... Ad majora! Bruno

guidoleonelli :
guidoleonelli05.05.2019 - ore
Ciao Bruno,
è vero finora i riscontri sono tutti positivi, l'idea mi pare che sia piaciuta; dovremo ripoeterla. E anche i commenti, come fai osseravre tu, sono tutti di grande spessore.
Grazie anche a te Bruno; i tuoi versi, che forse avevo già letto, raccontano di un amore che trova forza nella forza e nella bellezza della natura. E sono poi d'accordo con te sulla dolcezza e leggerezza dei versi di Carla e su quelli, anche per me sempre un po' ostici alla prima lettura, ma di grande profondità, di Diaolin.
Leggeremo, invito anche te a farlo, i prossimi commenti ma mi auguro che possiamo riuscire a ripeterci.
Ad majora allora e un salutissimo a te e Nerina.

Renata :
Renata5/5/2019 ore 19,20
Questa volta aprire il tuo post, Guido, è come andare in biblioteca a cercare rifugio per riconoscersi nelle parole leggere di altri, che sanno scrivere divinamente e questa volta con passione poetica.
Mi piace e mi coinvolge emotivamente il ricacciare l'inverno lontano, all'infinito, del poeta Castelletti. Le rose, l'usignolo, il sapore dei primi baci, il canto della malinconia e qualcuno che ti strige la mano per ora, ancora: è la vita che appassiona anche con i colori dell'autunno.
Che delicatezza e dolcezza nei versi della poetessa Carla Ebli! Il tocco del suo sguardo femminile lenisce anche il male di vivere, e cerca e offre amore, anche se graffiati dalle spine, ma pur sempre sporchi di colori.
Mi affascina molto la poesia del poeta Diaolin, con le sue immagini forti, il ritmo incalzante del suo dialetto, che io non conosco, ma che comunica sensazioni e attese. Mi piace il suo verseggiare metaforico e graffiante, lontano dall'angoscia di Leopardi, che anche dalla luna ha tratto ispirazione. La luna puttana è quella di Luccio Dalla, che non è iscritto all'albo dei grandi poeti, ma che ha elargito poesia a larghe mani.
Comunque Guido, i tuoi coriandoli di colori sono magnifici e alleviano e rallegrano la fatica delle parole.
Grazie ancora di questo tuo e vostro dono


guidoleonelli :
guidoleonelli05.05.2019 -ore 21.35-
Ma che belle cose ci scrivi Renata: grazie da parte mia; gli altri poeti diranno la loro, se credono. Allora sei uscita dalla biblioteca contenta, cosa che a me, per esempio, non riesce sempre. È un gran bel complimento che ci fai. Poi, con diligenza e competenza, passi in rassegna ciò che in biblioteca hai trovato. Hai colto delle bellissime immagini nei versi di Bruno: penso sarà contento e orgoglioso.
E come Giovanni, anche tu ti sei sentita coinvolta dai versi leggeri e delicati di Carla. Ma personalmente sono particolarmente contento che ti senta affascinata dai versi di Diaolin e lo sono per un motivo molto semplice che deriva dal fatto che io invece spesso faccio fatica a comprenderli. Il suo dialetto è quello parlato, ormai non più da molti penso, solo nel suo paese in Val di Cembra. Gli stessi cembrani coi quali ho avuto occasione di scambiare qualche parola, ammettono di avere anche loro qualche difficoltà di comprensione: mi sento un po' giustificato quindi. E anche per i miei "folgoranti" (Bruno) coriandoli trovi parole appropriate.
Come un critico letterario ci hai passati tutti in rassegna cogliendo qui e là per ciascuno, qualcosa di positivo.
Grazie Renata: sei un'amica preziosa!

avvbrunocastelletti :
avvbrunocastellettiGrazie Renata e complimenti per le Tue poetiche recensioni.Per quanto mi roguarda posso dirti che mihal commosso per aver colto profodamente nel segno .Un abbraccio Bruno

Daniela :
Daniela06/05/19
Caro Guido, davvero una gran bella idea quella di farci sentire, attraverso la tua, la "voce poetica" di tre amici del sito, in questo inno all'amore comunitario. (purtroppo io la poesia di Bruno Castelletti non sono riuscita a sentirla recitata; qualche problema informatico?) Grazie a te e agli altri poeti per questo graditissimo regalo e davvero complimenti a tutti!

guidoleonelli :
guidoleonelli07.05.2019 -ore 11.20-
Ciao Daniela,
sono contento che sia piaciuta anche a te, come ad altri, questa idea fuori dall'ordinario e grazie dei complimenti ma aspettiamo direi di sentire, se arriveranno, anche altri pareri.
Come vedi, nel nostro piccolo gruppo siamo in quatro che ci divertiamo a verseggiare. Per quanto riguarda la poesia di Bruno, sappiamo entrambi che non è stata registrata troppo bene però vorrei suggerirti di provare ad ascoltarla al cellulare (dopo aver alzato il volume, naturalmente).
Un salutone d entrambe voi, ciao.

diaolin :
diaolinEccomi qua:
prima di tutto un grande ringraziamento a Guido per questa sua pagina nella quale ha voluto
mettere in campo un coro a 4 voci, una soprano e 3 voci maschili. Bellissimo.

"Ma ti stame vissin" è una carezza di Bruno al proprio amore, a tutti gli amori, una delicata pennellata di colori su quello che è l'amore, per lui e anche per me. Molto intensa e profonda. La lettura è inoltre molto sentita e dedicata a qualcuno che è dentro al suo cuore.
Chapeau...

Allo stesso modo "Né mi né ti" mi fa rivivere questo momento di incertezze con un fugace tocco di certezza. Bella poesia che rivisita il senso dell'amore affondandolo nella profonda coscienza di un umanità che sta apparentemente scemando ma non per la poetessa che la ritrova come sunto del suo "male d'amore". Gran bella poesia, mi ripeto.

Che dirvi di "Paròle córte"? Una poesia che in poche ma importanti parole ridefinisce il messaggio e lo riporta più che ad un rincorrersi di voci ad un delicato gioco di cose non scritte. Molto bella, una gran poesia d'amore....

Grazie ancora, molto belli i vari dialetti ma, se dovessi scegliere un canto, senza nulla togliere alla pregevolezza del resto, prenderei quello di Bruno:

Con ti sempre darente
l'inverno l'è lontan
de là da l'orisonte.

In tre righe è concentrata una storia d'amore lunga un'eternità.

Sono stato contento quando Guido mi ha chiesto di partecipare a questo progetto.
Ora lo sono di più

Grazie e sèmpro avanti e mai zerùch!


guidoleonelli :
guidoleonelli3.05.2019 -ore 22.30-
Tanto più gradita la tua visita Diaolin perché ormai non l'aspettavo più e quindi tanto più gradita. Con quella introduzione poi, il ringraziamento credo debbe essere reciproco.
Tu, in maniera molto precisa, prendi in esame ogni poesia e trovi delle belle considerazioni per ciascuna. Ti ringrazio per quanto dici della mia: mi fai un bel complimento. Per gli altri autori, lascio che siano loro a dire e rispondere se paseranno ancora da queste parti.
Chissà che orgoglioso sarebbe Bruno!

Importante il tuo interveno Diaolin: ti ringrazio.

avvbrunocastelletti :
avvbrunocastellettiGrazie Guido per la segnalazione.In verità credevo che i commenti fossero esauriti.È vero che sono orgoglioso.In effetti è la poesia che ho dedicato a mia mogle qualdhe anno fa ed è la mia preferita.Sono molto contento che giunga a segno e cioè al cupre.Pur sapendo chesia Diaolin sia Tu ,poeti eccelsi,avere ecceduto in generosita,mi è molto piaciuta questa esperienza e sprero che grzie alla tua generosità si possa in fituro ripetere.Un grande abbraccio a tutti Bruno

guidoleonelli :
guidoleonelli14.05.2019 -ore 16.00-
Nulla da aggiungere Bruno se non precisare, a te ed agl altri che eventualmente non lo sapessero, che non esiste un termine oltre il quale non è più consentito fare i propri commenti.
Se sarete ancora disponibili, si potrebbe forse ripetere quest'esperienza in autunno.
Ciao e stammi bene.

Laura :
LauraSeppur con una certa difficoltà nella comprensione immediata di un dialetto che non è il mio, riesco a godermi la musicalità e i colori che queste parole portano con sé.
Tanto in "parole corte" quanto in "né mi né ti" c'è una dicotomia meravigliosa tra la genuinità e la concretezza del linguaggio e delle immagini utilizzate e la profonda raffinatezza dei sentimenti che questi versi evocano.

L'amore come il pane, di cui siamo "angordi".
E le parole che vengono dal cuore come piccoli coriandoli, dal dolce saòr de le ampòmole.

Grazie! Davvero emozionanti!

guidoleonelli :
guidoleonelli07.11.2019 -ore 16.00-
Ciao Laura,
sapessi che piacere questa tua "entrata" sia pure un po' alla chetichella, guardacaso proprio sull'ultimo post ancora visibile. Sembra abbia voluto iniziare dalle origini: si trattava appunto del primo esperimento di poesia, sul tema dell'amore, scritto a quattro mani; quattro quanti i poeti che, amici del sito, si dilettano a scivere versi. Nel post più recente siamo invece soltanto in tre ma l'acoglienza finora è delle migliori.
Emozionanti per te i nostri versi, e ti ringrazio, ed altrettanto emozionanti per me le tue considerazioni e la semplice tua presenza.
Ti aspetto Laura su un post più recente per darti il benvenuto e per dire ai miei, ed ora nostri, amici quanto tu sia per me importante e l'importanza che tu ti sia unita a noi.
Intanto accetta un grazie che, tu lo sai bene, viene dal cuore.



 Torna alle notizie

Subsection Archivio News
Calendario  Calendario
Data: 17/11/2019
Ora: 18:19
« Novembre 2019 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 1.2615 seconds.