Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rfoi de destrni
      Uce che sponze
      Sgve de vita
      Amor en znzorla
      Sol e ngole en riva al lach
      Far buti nvi
      An bisst
      La rda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062716


Le mie raccolte » La rda

 

El zògh de la vita

 

Quan che se ‘ncùcia la séra
sót a le ale ciaùsche de la nòt
me sénto pèrs,
stranià
e come ‘n matelòt
no so se piànzer
per n’altro fòi cascà dal calandari,
o se rìder contènt
per el bèl che ‘l porterà
el dì che vèn.
L’è ‘l vècio zògh de la ròda
che tant che na zìnzorla ‘ntrigóna
el se divèrte
a portarne ‘n su bèn alti
entrà slusóri sémpre nòvi
e làude che se ‘ntòna
per pò lassarne nar de cólp
sót a le ociàre bròlde
de na meridiana ‘ngremenìda
che tuti i dì la spèta ‘l sól
sperando che la stòria
no la sia zamài finìda.

 

 

Il gioco della vita

Quando si accuccia la sera/ sotto alle ali spettinate della notte/ mi sento perso/ smarrito/ e come un bambino/ non so se piangere/ per un altro foglio caduto dal calendario,/ o se ridere contento/ per il bello che porterà/ il giorno che verrà./ E’ il vecchio gioco della ruota/ che come un’altalena impicciona/ si diverte/ a portarci su bene alti/ fra splendori sempre nuovi/ e laudi che si intonano/ per poi lasciarci andare di colpo/ sotto alle occhiaie smorte/ di una meridiana intirizzita/ che tutti i giorni aspetta il sole/ sperando che la storia/ non sia già finita.

 

 

 

 

Bòn compleano, vecio mio

 

Son za chì che compisso i ani n’altra volta
e l’è de quéi che pésa
che i lassa segni ciari fòra e dént.
El córe ‘l tèmp en prèssa,
el córe pu de mi che, se me vòlto ‘ndrìo,
me védo putelòt co le braghete corte.

Robàndome i ensòni, ‘ntant ‘l tèmp l’è nà
e me tróvo chì cargà a portàrmei su la schéna.
Sarìa dal bòn na péna se, dopo tut sto tèmp,
tirando su la ré, la fussa pròpi vòida.
En pessàt el basterìa, un sol,
dó gózze de sudór, en cit de bonumór
che ‘l pòda darme paze.

Me ‘nvio ancór pianèl, postàndome al bastón,
sperando che sto tèmp, per sòlit galantòm,
el me tègna ancór en gàida
come da putelòt co le braghéte corte.

 

 

Buon compleanno, vecchio mio
Sono già qui che compio gli anni un’altra volta/ e sono di quelli che pesano/ che lasciano segni chiari fuori e dentro./ Corre il tempo in fretta, corre più di me che, se mi giro indietro,/ mi vedo bambino con i calzoncini corti.// Rubandomi i sogni, intanto il tempo è andato/ e mi trovo qui carico a portarmeli sulla schiena./ Sarebbe davvero una pena se, dopo tutto questo tempo,/ tirando su la rete, fosse proprio vuota./ Un pesciolino basterebbe,uno solo,/ due gocce di sudore, un po’ di buonumore/ che possa darmi pace.// Mi avvio ancora adagio, appoggiandomi al bastone,/ sperando che questo tempo, di solito galantuomo,/ mi tenga ancora sulle ginocchia/ come da bambino con i calzoncini corti.

 

 

 

 

Ora tèndra

 

L’è n’óra tèndra
da le ómbre lónghe
che tut la sconfónde
‘nté ‘n zògh de filagrana.
L’è n’óra putana
che no la me lassa star en paze
dént a la me pèl.

Se slarga ‘l ziél
entrà filàmpoi colór de porporina
per en sól spressaròl
che ‘l spességa
vèrs el sperèl del mónt.

E vèn l’óra del cónt
l’óra demò mia,
gavizzòl malmadùr
en zérca de carézze
e còcole a rafón.
L’óra de èsser bòn
de parar zó, tant che algéri,
el sòlit zavàt:
quél gróp de dispiazéri.

 

 

Ora tenera
E’ un’ora tenera/ dalle ombre lunghe/ che tutto confonde/ in un gioco di filigrana./ E’ un’ora puttana/ che non mi lascia stare in pace/ dentro alla mia pelle.// Si allarga il cielo/ frà sfilacciature color argento dorato/ per un sole frettoloso/ che si affretta/ verso il telaio del monte.// E vien l’ora del conto/ l’ora soltanto mia,/ foruncolo malmaturo/ in cerca di carezze/ e coccole alla ruba./ L’ora di essere capace/ di inghiottire, come ieri,/ il solito rospo:/ quel groppo di dispiaceri.

 

 

 

 

L’è aqua ‘l tèmp

 

Vèn sera e vèn sùbit nòt
al sbronzinar de campane mute
vive demò ‘nté l’òrt del destrani.
No scarmenar parole
en l’óra che l’è mia
e la luna, co le stéle tute ‘ntór,
la gà da dir la sòa.
L’è aqua ‘l tèmp che ‘l masna
sènza rèquia
a svoltolar en móndo
che l’à cambià saóri
a fiumi, cròzzi, mari
restadi oramai sènza pu óri.

 

 

È acqua il tempo
Vien sera e viene subito notte/ al tintinnare di campane mute/ vive soltanto nell’orto della nostalgia./ Non disperdere parole/ nell’ora che è mia/ e la luna, con le stelle tutte attorno,/ deve dire la sua./ È acqua il tempo che macina/ senza riposo/ a svoltolare un mondo/ che ha cambiato sapori/ a fiumi, rocce, mari/ rimasti ormai senza più confini.

 

 

 

 

Staféta

 

Lévo coi ensòni de la nòt entorcoladi
e sùbit me vèn vòia de tòr na péna ‘n man.
Ma quel busnèl de ‘nsòni ‘ntant el s’à fruà
biót el m’à lassà, delìs
e con en fil en mìgol engropà:
bagatèl enté ‘n teatro
che no ‘l gà sipari e né coltrìne.
Me ‘nvio ancór na volta brancolón
per strade e per rovine
bombizze de silènzi
‘ndó che man a man se sfanta
basi dal saór de ampómole,
fili de èrba a farne da cossìn.
Se ‘nmùcia ancór relìchie de ‘n tèmp passà
missiade al me morbìn
per na lavagna che la gà da èsser scancelada
per dargh’i gesseti ‘n man a ‘n putelòt
che prima che i so ‘nsòni i ghe sgóla via
el li méta zó élo dó versi de poesia.

 

 

Staffetta
Mi alzo coi sogni della notte aggrovigliati/ e subito mi vien voglia di prendere una penna in mano./ Ma quel brulichio di sogni intanto s’è consumato/ asciutto m’ha lasciato, liso/ e con un filino un po’ annodato:/ burattino in un teatro/ che non ha sipario e né tendine./ Mi avvio ancora una volta brancolando/ per strade e per rovine/ gonfie di silenzio/ dove poco a poco svaniscono/ baci dal sapore di lamponi,/ fili di erba a farci da cuscini./ Si ammucchiano ancora reliquie di un tempo passato/ mescolate al mio struggimento/ per una lavagna che dev’essere cancellata/ per dare i gessetti in mano a un ragazzino/ che prima che i suoi sogni volino via/ li metta giù lui due versi di poesia.

Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 06:13
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.6241 seconds.