Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rèfoi de destràni
      Uce che sponze
      Sgéve de vita
      Amor en zìnzorla
      Sol e nùgole en riva al lach
      Far buti nòvi
      An bisèst
      La ròda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062707


Le mie raccolte » An bisèst

 Mantèle de cristal
 
L’è na primavera ’n mìgol zimberlina 
quela che bonóra stamatina 
la n’à parecià ’n spetàcol 
che nessùni se spetéva. 
L’èra ani, i dis i espèrti, che i colori 
del so àbit no i vegniva sì coèrti 
da mantèle trasparénte de cristal. 
E dessiguàl, en tante vedrinòte, 
tegnìndose bèn struchi, slagriméva 
nòvi buti de stagión: fióri ròsa porporina 
’ntrà fòie tèndre se struchéva. 
M’à parèst che i soridéva ’nté ’n slagrimar 
sì dólz de na natura za stordida 
che strangòssa demò ’l sól 
per vestirse ancor col ròsa 
che l’è ’l so vestì pu bèl:
l’àbit de la spòsa.
 
 
Mantelle di cristallo
È una primavera un po’ spensierata/ quella che presto stamattina/ ci ha
preparato uno spettacolo/ che nessuno si aspettava./ Erano anni, dicono gli esperti, che i colori/ del suo abito non venivano così coperti/ da mantelle trasparenti di cristallo./ E nel contempo, in tante vetrinette,/ tenendosi ben stretti, lacrimavano/ nuovi germogli di stagione: fiori rosa porporina/ fra foglie tenere si stringevano./ M’è sembrato che sorridessero in un lacrimare/ così dolce di una natura già stordita/ che si strugge dal desiderio soltanto del sole/ per vestirsi ancora col rosa/ che è il suo vestito più bello:/ l’abito della sposa.
 
 
Trentino, 27.03
“Impianti di irrigazione in funzione nella notte. Ghiaccio sui meli contro la super gelata”.

 
 
 
La zità che mòre
 
Per i artisti de le strade, par che riva tempi duri:
no i li vòl i duri e puri che goèrna la zità.
Tuti i gà da dir la sòa per tòr pò na decisión
e ’ntrà tanta confusión se pòl lézerne de bèle.
Giocolieri, mangiafuoco, con i tràmpoi i paiazzi
o quéi sióri tuti bianchi férmi stinchi tant che giazzi
par che i pòda segutar enté l’arte del far rìder.
Per chitare, mandolini, ozarmoniche e pianòle
i par tanti i rampeghini che i vòl méter fòr taiòle.
Che i sòna pur su per le strade ma che i staga
’n cit lontani da le case de la zènt!
I vòl farghe zòne franche, en problemìn da gnènt,
che no i pòda dar fastidi, a sonar
con ardimént, entrà banche e magazzini.
Sémpre lóri, i rampeghini, i vòl farghe far n’esame:
quei promossi ’n Piazza Dante a sonar entrà i droghini;
tuti i altri embusadi, tant che fussa pantegane,
al sotopas de la stazión, che no i faga confusión.
Gaverén cossì pu paze per dormìr anca dal dì
’ntànt che la zità la mòre enté ’n clima besevì.
 
La città che muore
Per gli artisti di strada, sembra che arrivino tempi duri:/ non li vogliono i duri e puri che governano la città./ Tutti hanno da dire la propria per poi prendere una decisione/ e fra tanta confusione si può leggerne di belle./ Giocolieri, mangiafuoco, i pagliacci con i trampoli/ o quei signori tutti bianchi fermi rigidi come ghiacci/ sembra che possano continuare nell’arte del far ridere./ Per chitarre, mandolini, armoniche a bocca e pianole/ sembrano tanti i pignoli che vogliono disporre tagliole./ Che suonino pure lungo le strade ma che stiano/ un po’ lontani dalle case delle gente!/ Vogliono crear loro zone libere, un problemino da niente,/ che non possano dare fastidio, a suonare/ con vigore, fra banche e magazzini./ Sempre loro, i pignoli, vogliono fargli un esame:/ quelli promossi in Piazza Dante a suonare fra i droghini,/ tutti gli altri rintanati, come fossero pantegane,/ al sottopasso della stazione, che non facciano confusione./ Avremo così più pace per dormire anche di giorno/ mentre la città muore in un clima insipido.
 
Trentino, 27.02
“Musicisti di strada, maggioranza spaccata. Pacher: «Venti aree libere a ridosso del centro». Ma il voto in aula è rimandato”.
 
 

Tacarse drìo
 
Vèrzeghe, l’èra ’n bèl pèz che se sentiva
pròpi spuza de brusà. E a le tante s’à capì
qual che l’è ’l zòch encantà del nos governator
che, zugando a scondiléver, el se scónde
’ntrà paléti per no finìr, tant che tórdo,
pròpi dént entéi archéti.
El cantéva en falsét cante antiche ’ramài nòte
tegnìndo fis el so timón. Demò ’n pòro pantalón
el podéva no capìr che no gh’è “democratici”
e no gh’è gnanca Veltroni; bisognéva èsser bòni
de salvar questa barchéta de la nossa autonomia
dopo averla data via fórsi massa a bòn mercà.
Tira chì e mòla là, tanti basi a brazzi avèrti
per el Pat del signor Rossi e per quéi sór’ a Salùrn.
En consiglio ghe darìa: domandarghe l’anessión,
se podén tacarne drìo che no ghe sia pu ’n zaltón,
en Galàn o ’n profetón che ’l vòl róterne le azze.
Che i ne lassa star en paze: momolando na zirèla,
ne scondén sót a l’ombrèla del siór Durni de Bolzàn.
 
Annettersi
Per la Vergine, era un bel pezzo che si sentiva/ proprio puzza di bruciato. E finalmente s’è capito/ quale è il gioco incantato del nostro governatore/ che giocando a nascondino, si nasconde/ fra paletti per non finire, come un tordo,/ proprio dentro alle tagliole./ Cantava in falsetto cante antiche ormai note/ tenendo stretto il suo timone. Solo un povero pantalone/ poteva non capire che non ci sono “democratici”/ e non c’è neanche Veltroni; bisognava essere capaci/ di salvare questa barchetta della nostra autonomia/ dopo averla data via forse troppo a buon mercato./ Tira qui e molla là, tanti baci a braccia aperte/ per il PATT del signor Rossi e per quelli sopra Salorno./ Un consiglio gli darei: domandargli l’annessione/ se possiamo ancorarci che non ci sia più un cialtrone,/ un Galàn o un sapientone che vuol romperci le scatole./ Che ci lascino stare in pace, succhiando una caramella,/ ci nascondiamo sotto all’ombrello del signor Durni di Bolzano.
 
 
Trentino, 25.02
“Il partito del presidente. La Margherita non si avvicina al Pd ma alla Svp. Né scioglimento né simbolo nuovo: ci serve un patto con Bolzano per l’Autonomia

 le foto sono state prese da Wikipedia, l'enciclopedia libera

 

 

 

 

En morét anzi doi

 
Davèrzer i òci da la nòt e véder el nos ensòni per dal bòn.
È suzzèst qualcòs: i mericani, che i ghe n’aveva pròpi ’n gòs,
e i s’à votadi ’n presidèn, zóven e da la pèl négra, ’n morét.
L’è la fin de quel mondo che no ’l ghe credeva.
En zògh a tut tóndo che ’l scomìnzia su ’nté ’n fòi bianco nèt
endó che, senza rispèt, tuti i gà ’l so cantón
per scrìver la so storia. Storia memoria. Lassé pu che i sbraita
i nossi sbavóni de tegnìrli per so cónt perché no i è bòni.
 
I ne lo dis lóri, i pòpi de Revò che, su le ale de tuti i colóri
de l’Aquilone* de Cles, i se ’nzìgna, i laóra, i zòga,
i fa cose bòne per Franco, ’l morét del Baba Camillo**.
Mosàici, recàmi e ’n zestèl pién d’amór per en so compagn,
el pu bèl el pu bòn. En morét che fórsi ’n domàn,
chi èl che ’l lo sa? president de la Merica ’l deventerà.
 
Ma gh’è ancór n’altra cosa, no l’è tut chì:
per na volta, la prima, vorìa èsser mericàn anca mi.
 
 
* L’“Aquilone” è una coperativa di Cles che opera pure a Mezzolombardo.
** “Baba Camillo”, in lingua swahili, corrisponde al nome di Camillo Calliari, un religioso di Romeno che da anni opera in Tanzania nella diocesi di Njombe.
 
 
Un moretto anzi due
Aprire gli occhi dalla notte e vedere il nostro sogno avverato./ È successo qualcosa: gli americani, che ne avevano proprio un gozzo,/ si sono votati un presidente, giovane e dalla pelle nera, un moretto./ È la fine di quel mondo che non ci credeva./ Un gioco a tutto tondo che comincia su un foglio bianco pulito/ dove, senza vergogna, tutti hanno il proprio angolo/ per scrivere la propria storia. Storia memoria. Lasciate pure che sbraitino/ i nostri saccentoni di tenerli separati perché non sono capaci.// Ce lo dicono loro, i bambini di Revò che, sulle ali di tutti i colori/ dell’Aquilone di Cles, si ingegnano, lavorano, giocano,/ fanno cose buone per Franco, il moretto di Baba Camillo./ Mosaici, ricami e un cestino pieno d’amore per un loro compagno,/ il più bello il più buono. Un moretto che forse un domani,/ chi lo sa? presidente dell’America diventerà.// Ma c’è ancora un’altra cosa, non è tutto qui:/ per una volta, la prima, vorrei essere americano anch’io.

 Trentino, 6.11“Il voto USA. Trionfo del candidato democratico, per la prima volta un nero alla Casa Bianca. Il mondo saluta l’era di Obama


  

 

 

Filàmpoi de penséri ’ntór l’economia
 
Petrolio, gas e carbón a far nar en mondo sempre pu bóls
no i è pu assà. Petrolio, gas e carbón: en mondo ’ncarolà
che ’l scórla, ’ntossegà senza dotori co le so medizìne.
El sol ghe vorìa a scaldar tut l’an tuti i cantóni,
el sol metù via a bandóni che ’l vègna bòn a ’mpizzar
nòt stròve sènza luna quan che stéle berechine
le tègn océti bèn seradi. El sol, el vènt, l’aqua de fiumi
e de mari a far nar autèi, navi, aroplani a meari,
a scaldar man engremenìde, òssi ’ngiazzadi.
E ancór no l’è assà. Ghe vòl portarghe via ’l pam
a quei pu famàdi che ’l pam no i lo gà, cavarghe ’l zaldo,
’l riso, ’l formént e ’nté ’n momént enviar nòve guère
per vìver en dì de pu, entant che altri i mòre de fam.
Petrolio, gas e carbón envéze del pam che ’l sarìa sì bòn.
 
Sfilacciature di pensieri attorno all’economia
Petrolio, gas e carbone a far andare un mondo sempre più bolso/ non sono più sufficienti. Petrolio, gas e carbone: un mondo tarlato/ che traballa, avvelenato senza dottori con le loro medicine./ Il sole ci vorrebbe a riscaldare tutto l’anno tutti i cantoni,/ il sole conservato a bidoni che sia utile a illuminare/ notti buie senza luna quando stelle birichine/ tengono occhietti ben chiusi. Il sole, il vento, l’acqua di fiumi/ e di mari a far andare automobili, navi, aeroplani in quantità,/ a riscaldare mani intirizzite, ossa gelate./ E ancora non è sufficiente. È necessario portar via il pane/ a quelli più affamati che il pane non ce l’hanno, togliere loro il granoturco,/ il riso, il frumento e in un momento avviare nuove guerre/ per vivere un giorno di più, mentre altri muoiono di fame./ Petrolio, gas e carbone invece del pane che sarebbe così buono.
 
Trentino, 1.06
“Appunti. Il destino dei poveri”.


tratta da
Energia-eolica.it
il portale italiano dell'energia eolica

 

 

 

 

No gh'è Sud e no gh'è Nord

 

I néva dit el lùi passà che a zernìr el refudàm
sén noialtri quéi pu bòni, de sicùr no l'è i teroni
coi so mùci per le strade che i fa rìder tut el mondo
che 'l ne véde a la tivù.

I scrive adès che a meàri 'n la Gardena del turismo
el lo sotra 'ntél brocon bèn scondù 'ntrà i giasenari.
i fa 'l slàlom entrà i muci co la maschera del gas
per le spuzze 'ntéla val: par che sia za carneval.

No gh'è légi o religioni, no gh'è toderli o teroni
no gh'è Sud e no gh'è Nord ma sén tuti faimaloni.
Pu de algéri, pròpi amcòi, sén su struchi su sta barca
enté n'aqua spuzzolènta: che no sténte a rebaltarla
co le nosse 'mbroiadùre per negarne subitiènta
tant che màschera paiazza, tuti 'nsèma a la scoàzza.

 

 

 

 

Non c'è Sud e non c'è Nord
Ci avevano detto nel luglio scorso che a separare i rifiuti/ siamo noi quelli più bravi, sicuramente non sono i terroni/ con i loro mucchi per le
strade che fanno ridere tutto il mondo/ che ci vede alla TV.// Scrivono adesso che in grandi quantità nella Gardena del turismo/ li sotterrano nell'erica ben nascosti nei mirtilli./ Fanno lo slalom fra i mucchi con la maschera del gas/ per gli olezzi nella valle: sembra che sia già carnevale.// Non ci sono leggi o religioni, non ci sono tedeschi o terroni,/ non c'è Sud e non c'è Nord ma siamo tutti pasticcioni./ Più di ieri, proprio oggi, siamo stretti su questa barca/ in un'acqua puzzolente: che non la ribaltiamo/ con le nostre furberie per annegarci all'istante/ come maschera pagliaccia, tutti insieme nei rifiuti.

Corriere del Trentino, 27.11
"Tutela ambientale. Discarica abusiva luci e ombre".

 

 

 

 

 

Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 05:58
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.6314 seconds.