Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rfoi de destrni
      Uce che sponze
      Sgve de vita
      Amor en znzorla
      Sol e ngole en riva al lach
      Far buti nvi
      An bisst
      La rda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062711


Le mie raccolte » Sgve de vita

 

 

 

Trar via

 
Entél rafanàs
de sta vita de prèssa
l'è tut en trar via
tamisar e s'ciarìr
a 'nmuciar refudàm
montagne de scarti
che le ne sótra.
 
Pu se trà via
e pu sióri se è:
tèmp e amóri
tant che fum e saóri.
 
E dó passi pu 'n là
buse fónde de misèria
de fam e de frét
piéne de 'l vòit
de sperànze brusade
de chi che no 'l gà.
 
 
Buttar via
Nella confusione/ di questa vita di fretta/ è tutto un buttar via/ setacciare e scegliere/ ad ammucchiare rifiuti/ montagne di scarti/ che ci sotterrano.// Più si getta/ e più signori si è:/ tempo e amori/ come fumo e sapori./ E due passi più in là/ buche profonde di miseria/ di fame e di freddo/ piene del vuoto/ di speranze bruciate/ di chi non ha.
 
 

 

 

 

No te domando tant

 
Col me dir
de pòre parole
che le sténta a vegnìr su,
te domando demò
de darme n'ociada, Sioredìo,
anca se chì
'nté sta cesotèla
arbandonada
te me pari pu sól de mi
cossì 'nciodà
su quèla crós crepada.
 
No te domando tant:
che a sto 'nvèrno
lóngh e cruf
ghe tègna drìo
na primavéra
piéna de colóri;
che sia bòn,
de tant en tant,
de tirar el fià
e de far en risolìn
a stó móndo
'n mìgol scrempenà
ma ancór sì bèl.
 
 
 
Non ti domando tanto
Col mio dire/ di povere parole/ che stentano a venir su/ ti domando soltanto/ di darmi un'occhiata Signore Dio,/anche se qui/ in questa chiesetta/ abbandonata/ mi sembri più solo di me/ così inchiodato/ su quella croce crepata.// Non ti domando tanto:/ che a questo inverno/ lungo e crudo/ segua/ una primavera/ piena di colori;/ che sia capace,/ di tanto in tanto,/ di tirare il fiato/ e di fare un sorriso/ a questo mondo/ un po' sgangherato/ ma ancora così bello.
 
 

 

 

Òm presonér

 
Mi són el mónt
alt
e pién de colóri:
con en dé tóco 'l ziél
ma zigo dal dolór
per ferìde fónde
de cave e slavìne.
 
Mi són el mar
endó che sluséva 'l sól
ónde 'mpizzade
deventade gréve
de catràm négro.
 
Mi són na róza
che l'à smarì
la so vóze
'ntél refudàm
e 'l sgrenghenar
de scandorlòti rùzemi.
 
Mi són el vènt
enzispà e malcontènt
entossegà
da fumi e veléni.
 
Mi són quél'òm
che l'à 'mbroià 'l zògh:
presonér
de le so stramberìe.
 
 
 
Uomo prigioniero
Io sono il monte/ alto/ e pieno di colori:/ con un dito tocco il cielo/ ma urlo dal dolore/ per ferite profonde/ di cave e slavine.// Io sono il mare/ dove luccicava il sole/ onde illuminate/ diventate pesanti/ da catrame nero//. Io sono un ruscello/ che ha perso/ la sua voce/ nei rifiuti/ e nel risuonare sgangherato/ di barattoli arrugginiti.// Io sono il vento/ rabbioso e malcontento/ avvelenato/ da fumi e veleni.// Io sono quell'uomo/ che ha imbrogliato il gioco:/ prigioniero/ delle sue castronerie.
 
 

 

 

 

Refugià

 
Zìnghen solàgn
'nté 'n móndo de lóvi
a mercantezar speranza
su 'nté na vècia barca
rùzena.
Sót en spich de luna
el mìssia 'l vènt
el so canto
al me pianto.
 
Ò serà la valìs
ma spavèla penséri
restadi fòra
a cavàl de recòrdi
tacadi a la me tèra
che arbandóno.
 
Entél vòit de la nòt
che la bala
su ónde
che le 'ngiotìs la vita
canta la disperzión;
e l'è sgrifi fóndi
su la crozàia
de 'n còr biót
enté na tèra forèsta.
 
 
 
Rifugiato.
Zingaro solitario/ in un mondo di lupi/ a mercanteggiare speranza/ su una vecchia barca/ arrugginita./ Sotto uno spicchio di luna/ mescola il vento/ il suo canto/ al mio pianto//. Ho chiuso la valigia/ ma sfarfallano pensieri/ rimasti fuori,/ a cavallo di ricordi/ aggrappati alla mia terra/ che abbandono.// Nel vuoto di una notte/ che balla/ su onde/ che inghiottiscono la vita/ canta la disperazione;/ e sono graffiprofondi/ sul macigno/ di un cuore scusso/ in una terra forestiera.
 

 

 

 

 

Silènzio

 
Scólta 'l silènzio,
se te séi bòn,
de chi che 'l te varda
coi òci straniadi
i làveri suti
crepadi.
 
Scólta 'l silènzio
de chi che 'l va 'ntór
zopegando
per en móndo vòid
che no 'l gà pu gnènt
da strolegar.
 
Scólta 'l silènzio:
l'è zighi de ràbia
per róter na nòt
 
                 muta
 
che la 'ndorbìs
e la ne tèn chièti
per farne dormìr.
 
 
 
Silenzio
Ascolta il silenzio/ se sei capace/ di chi ti guarda/ con occhi smarriti/ le labbra asciutte/ crepate.// Ascolta il silenzio/ di chi va attorno/ zoppicando/ per un mondo vuoto/ che non ha più niente/ da fantasticare.// Ascolta il silenzio:/ sono urli di rabbia/ per rompere una notte// muta// che acceca/ e ci tiene quieti/ per farci dormire.
Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 06:05
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.6078 seconds.