Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
      Poesie
      Maggiori riconoscimenti
      Hanno detto
 Le mie raccolte
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1204121


La mia poesia » Poesie

 

 

Ennànz che se smòrza l'ultim brase

 

 

Tonéza ‘l tenporal ala lontana
ma l’è tòni stofegadi
enté ‘n mar de nùgole grisóne
che ‘l vènt el spazza via
prima che le pòda scargar
frasèle e tompèsta.
El dì el va a morìr
enté ‘n ziél colór narànz
entant che la cóa de na nùgola pu ciara
la resta ciapada dént
entrà le pónte dei pézi pu alti
quasi che ‘l vènt
el s’avéssa stufà de sofiar.
Pian cuca fòr la luna
col so sércio bianch:
l’è l’ora del destràni
e la mént la me slìpega ‘ndrìo ‘ntéi recòrdi.
I ani i s’à ‘nmuciadi:
la me par córta la strada
che è restà da far
e massa pòch el tèmp che me vanza
per contar le tante storie

che me ùmega dént
ennànz che se smòrza l’ultima brase
e che la vita la deventa sbiavìda
come na menèstra ciara sènza sal.

 

Giorgio Comaschi, ospite d'onore della premiazione

 

 

Prima che si spenga l'ultima brace
Brontola il temporale in distanza/ ma sono tuoni soffocati/ in un mare di nuvole grige/ che il vento spazza via/ prima che possano scaricare/ saette e tempesta./ Il giorno va a morire/ in un cielo color arancio/ mentre la coda di una nuvola più chiara/ resta impigliata/ fra le punte degli abeti più alti/ quasi che il vento/ si fosse stancato di soffiare./ Sbircia adagio la luna/ col suo alone bianco:/ è l'ora della nostalgia/ e la mente mi scivola indietro nei ricordi./ Gli anni si sono ammucchiati:/ mi sembra corta la strada/ che è rimasta da percorrere/ e troppo poco il tempo che mi rimane/ per raccontare le tante storie/ che mi covano dentro/ prima che spenga l'ultima brace/ e che la vita diventi sbiadita/ come una minestra chiara senza sale.

1° premio al XIII “Guido Modena”; San felice sul Panaro (MO), 1999
- in "Rèfoi de detràni" -

 

 



 

 

Entél còr de l'inverno

 

El par en cràchese anca 'l lach
sbiavì, colór de la luna
su 'nté na taolòzza
'mbiancàda da la bruma.
Ampò, enté sti dì bròldi,
che pégri i se strassìna da nòt a nòt,
spetando che i tàca a nar i stralezàri,
se nina en la so sòm
barche smarìde,
se spègia mónti e paesòti rebaltadi.
Scólta sto silénzio gréf:
l'è l'arfi de na musica lontàna
el fil flòs de na nènia
che n'orchèstra 'ngiazzada
la ghe sòna
a sta natura 'ndormenzada.
Che la gàba na sòm dólza
e che la pòlsa
per desmissiarse 'nté 'n vestì
tèndro e verdesìn
recamà de mili colóri
entrà le sène 'mpiturade de 'n gran palco
'ndó che tacherà
na comèdia sempre nòva.

 

 

Nel cuore dell'inverno
Sembra ridotto male anche il lago/ sbiadito, color della luna/ su una tavolozza/ imbiancata dalla brina./Tuttavia, in questi giorni pallidi/ che si trascinano da notte a notte,/ aspettando che inizino a colare le grondaie,/ si cullano nel loro sonno/ barche scolorite/ si specchiano monti e paesini rovesciati./ Ascolta questo silenzio greve:/ è il respiro di una musica lontana/ il filo debole di una nenia/ che un'orchestra intirizzita/ suona/ a questa natura addormentata./ Che abbia un sonno dolce/ e che riposi/ per risvegliarsi in un vestito/ morbido e verdolino/ ricamato di mille colori/ fra le scene dipinte di un gran palco/ dove avrà inizio/ una commedia sempre nuova.

1° premio al XII "San Paolo"; Treviso, 2000
- in "Uce che sponze" -

 

 


 

 

Calavèrna

 

L'è 'n móndo tut bianch
de fòle, strìe e strióni,
en grant ospedal
per fantasmi maladi.
Àrboi nudìzzi
dai brazzi stortolóni,
cristài delicati 'nté na gran vedrìna
a far la guardia a 'n zògh encantà
bianch de poìna.
Che nessùni tóca,
che nessùni róta gnènt
de sti zugàtoi colór de la luna
vestìdi demò de na bianca bruma.
Stanòt qualchedùn el s'à divertì
a sbolfràr zùcher a vélo:
brògia che al cucàr del prim sól
la 'mpìzza mili lussentini slusènti.
Slagrimàr dólz
de la natura 'ndorbìda
che la spèta de cavarese fòra 'l bianch
per vestìrse de vért, celèste e ròsa
che l'è 'l so vestì pu bèl:
l'àbit de la spósa.

 

Caliverna
È un mondo tutto bianco/ di favole, fate e maghi,/ un grande ospedale/ per fantasmi malati./ Alberi nudi/ dalle braccia contorte/ cristalli delicati in una grande vetrina/ a far la guardia a un gioco incantato/ bianco di ricòtta./ Che nessuno tocchi,/ che nessuno rompa niente/ di questi giocattoli color della luna/ vestiti soltanto di una bianca brina./ Stanotte qualcuno s'è divertito/ a spruzzare zucchero a velo:/ brina gelata che allo sbirciare del primo sole/ accende mille lustrini luccicanti./ Lacrimare dolce/ della natura confusa/ che attende di togliresi il bianco/ per vestirsi di verde, celeste e rosa/ che è il suo vestito più bello:/ l'abito della sposa.

 

1° premio al XV "Ulgibos"; Cavarzere (VE), 2000
- in "Uce che sponze" -

 

 


Pam séch

El crachésa 'l sentér
ma no 'l se desmìssia
el paesòt endormenzà
enté na lum sbiavìda.
Enté la nòt da l'àrfi lizér
la luna la s'à cavada fòr nudìzza
tant che 'n póm mondà
e la zòga dént e fòra
entrà nùgole ciàre.
Gò 'n roseghìn dént
che no 'l me dà paze,
en lèt engiazzà
che 'l me spèta vòit.
Massa l'è ancór i dispiazéri
da sbregàr fòr dal còr
enté l'óra che la mènt
la zérca i recordi:
pam séch da rosegar
spetando che 'l sól el léva.

 

 

Pane secco
Scricchiola il sentiero/ ma non si sveglia/ il paesino addormentato/ in una luce pallida./ Nella notte dal respiro leggero/ la luna s'è svestita nuda/ come una mela sbucciata/ e gioca dentro e fuori/ fra nuvole chiare./ Ho un rodimento dentro/ che non mi dà pace,/ un letto freddo gelato/ che mi aspetta vuoto./ Troppi sono ancora i dispiaceri/ da strappare dal cuore/ nell'ora in cui la mente/ cerca i ricordi:/ pane secco da rodere/ aspettando che si alzi il sole.

2° premio all’8° “Walter Tobagi”, Venezia, 2000
- in "Uce che sponze" -

 

 

 


Nissùn che ghe bada

No 'l gà pu na casa
l'òm de ancòi
gnanca 'n coèrt
con quatro muri
'ndó star securi
da ladri e da lóvi.

Stranià 'ntél vènt
'ntrà tòni e frasèle
el zérca banchéte
arbandonade
demò per polsar
su la so via.

No gh'è fanài
a 'mpizzar cantóni
sémpre pu stròvi
de 'n móndo revèrs

Sbòfa 'nsaonada
nata cossì
squasi per zògh
basada dal sól
che 'l la 'mpitùra
de mili colóri
slusènti e bosiadri

ninàda dal vènt
che de cólp el la mòla:

n'ensòni finì
na vòia delùsa
na vita che mòre.

E nissùn che ghe bada.

 

 

Nessuno che ci fa caso
Non ha più una casa/ l'uomo di oggi/ nemmeno un tetto/ con quattro muri/ dove star sicuri/ da ladri e da lupi.// Smarrito/ nel vento/ fra tuoni e saette/ cerca panchine/ abbandonate/ solo per riposare/ sulla sua strada.// Non ci sono fanali/ a illuminare cantoni/ sempre più scuri/ di un mondo rovescio/ senza certezze.// Bolla insaponata/ nata così/ quasi per gioco/ baciata dal sole/ che la dipinge/ di mille colori/ lucenti e bugiardi// cullata dal vento/ che di colpo la lascia:// un sogno finito/una voglia delusa/ una vita che muore.// E nessuno che ci badi.

 1° premio al XIV “Guido Modena”, San Felice sul Panaro (MO), 2001

 

 

 

 

Paura*

Sbessolàndo per so cónt
ondezzón
entéla fumèra
se àrfia pólver:
sgranzolar de tór
che una a una
le se 'nmùcia.
No sèrve pu calandari
per na vita dal fià córt
dì per dì
sènza savér
se ghe tegnirà drìo
'l domàn.
El sól sbasì
el slìpega zó dal rigo
del ziél
e no 'l divìde pu
'l ciàr dal stròf.
De nòt se léva
la paùra
che se róta quél fil
fin
che 'l divìde ancór
la paze da la guèra.


(*) 11 settembre 2001: attacco alle torri gemelle

 

 

Paura
Balbettando per proprio conto/ ondeggiando/ nel fumo denso/ si respira polvere:/ sfarinare di torri/ che una a una/ si ammucchiano./ Non servono più calendari/ per una vita col fiato corto/ giorno per giorno/ senza sapere/ se gli terrà dietro/ il domani./ Il sole fiacco/ scivola dal pentagramma/ del cielo/ e non divide più/ il chiaro dal buio./ Di notte si risveglia/ la paura/ che ri sompa quel filo/ sottile/ che divide ancora/ la pace dalla guerra.

1° premio al 5° “Premio Castello”, Villafranca (VR), 2001
- in "Sgéve de vita" -

Motivazione della giuria.
Tra i molti concorrenti ispirati dal tragico 11 settembre, che noi tutti abbiamo negli occhi e nell'animo, c'è sembrato che più degli altri abbia espresso con intima partecipazione, con forza espressiva e con poetica sintesi il sentimento di sgomento, di paura in un certo senso cosmica, Guido Leonelli, il trentino non nuovo ai premi. Quella realtà così orrenda, tanto da sembrare sognata o virtualmente creata per lo schermo, ha sconvolto gli animi, ci ha portati come sull'orlo di un abisso, ha spezzato il normale ritmo del tempo.
 

 

 

 

 


Coriàndoi

 

Recòrdi, coriàndoi de vita
sgéve del nos passà.
Coriàndoi grisi, enfizzadi
coriàndoi sbiavìdi, maciadi,
coriàndoi dólzi o che i bèca
coriàndoi desmentegadi.
Nòte su 'nté 'n rigo scorlènt
sentiménti bòni pu da gnènt.

En fónt al cassabanch
bèn conservà 'nté na carta velìna
ò trovà 'n coriàndol rós taià fòr a coresìn,
l'ò trovà algéri, algéri de matina.
Te me l'avévi passà de scondón
sót al banch de prima:
"T.A.T." –te amo tant- te me scrivévi
enté 'n còdice secrèt e te ridévi,
te me ridévi s'cèt.

Col me cargo de ani
te 'scóntro adès veciòta
a tòr el pam la matìna
o a spas dopodisnar con na popìna.
Vorìa dirte ancór
ma són sémpre 'l sòlit timidón,
che scondù a to cà, se no l'è nà pèrs,
gh'è 'n coriàndol de alóra bòn anch'adès:
"A.M." – anca mi-,
tut quél che era bòn de dirte
cossì a qualche vèrs.

Coriàndoi dai óri sbiavìdi
retài de zòghi mai scominziadi
e zamài finidi.

 

Coriandoli
Ricordi, coriandoli di vita/ schegge del nostro passato./ Coriandoli grigi, raggrinziti/ coriandoli sbiaditi, macchiati,/ coriandoli dolci o che pungono/ coriandoli dimenticati./ Note su un rigo traballante/ sentimenti sbiaditi/ capaci più di niente.// In fondo alla cassapanca/ ben conservato in una carta velina/ ho trovato un coriandolo rosso ritagliato a cuoricino,/ l'ho trovato ieri, ieri mattina./ Me l'avevi passato di nascosto/ sotto il banco di prima:/ "T.A.T."-ti amo tanto-mi scrivevi/ in un codice segreto e sorridevi,/ mi sorridevi schietto.// Col mio carico di anni/ ti incontro adesso vecchietta/ a prendere il pane la mattina/ o a spasso dopo pranzo con una bambina./ Vorrei dirti ancora/ ma sono sempre il solito timidone,/ che nascosto a casa tua, se non è andato perso/ c'è un coriandolo di allora buono anche adesso:/ "A.M." anch'io-,/ tutto quello che ero capace di dirti/ così a qualche verso.// Coriandoli dagli orli sbiaditi/ ritagli di giochi mai cominciati/ e già finiti.

1° premio al 1° Città di Lonigo, (VI), 2003
- in "Amor en zìnzorla" -

 

 

 


Amór óltra la vita

Te vègni chì de spés
a slagrimarme adòs
en fioràt
en lumìn, na rèquia
'n prèssa a qualche vèrs.
Pò te te vardi 'ntór
zó 'n fónt
su la me drita
opùr vèrs el cancèl
te spèti la siorata
biónda
en pòch spuzzéta
che la gà chì 'l so òm.

Tasi 'n pezzòt
e scólteme.
I pòpi i è cressùdi
e ti te séi én gamba:
da quésta nugoléta
de bata benedéta
te rido e da chì su
te vòi pu bèn de prima
ma no pensarme pu.

 

Amore oltre la vita
Vieni qui spesso/ a lacrimarmi addosso/ un fiorellino/ un lumino, un requiem/ in fretta a qualche modo./ Poi ti guardi attorno/ giù in fondo/ sulla mia destra/ oppure verso il cancello/ aspetti la giovane signora/ bionda/ un poco smorfiosetta/ che ha qui il suo uomo.// Taci un momento/ e ascoltami./ I bambini sono cresciuti/ e tu sei in gamba:/ da questa nuvoletta/ di ovatta benedetta/ ti sorrido e da quassù/ ti voglio più bene di prima/ ma non pensarmi più.

 
1° premio al 3° “Rivellino”, Castel Goffredo, (MN), 2004
                                                                                                                                                                                                                                               - In "Amor en zìnzorla" -

Motivazione della giuria.
Nessuna formula consolatoria: amore può consistere anche nel perentorio invito alla dimenticanza. Ma non è qui, in questo caso, una semplice storia d'amore, è l'invito di chi non c'è più a chi è rimasto qui su questa terra. Una poesia in cui, con un facile gioco di parole, si potrebbe dire che l'amore si mescola all'amaro, ben reso nelle immagine chiare ed evocative, in cui lo strumento del dialetto rende con rara efficacia i sentimenti di chi, ormai morto, vede accanto al marito che la viene a trovare al camposanto, una "siorata" bionda  "spuzzeta", attrubuto che non può trovare eguali per forza espressiva, nella nostra lingua italiana.

 

 

 

 



Sangióti

Balòs el motór
su sta barca forèsta
el fa ‘l vèrs al me còr
el canta contènt
e cossì ‘nté ‘n gnènt
el schechéza
el bolsìna
e pò ‘l tórna ‘nté n’àmen
a far fèsta,
la fèsta de prima.
Profumi de spèzie
de aròmi orientali
i se mìssia
i se pèrde
‘nté l’aqua salada
e ‘ntél zògh de sto móndo
se néga penséri
quéi bèi de na vòlta
con quéi tant pu négri.
Su la grésta basada dal sól
se léva la barca
con dént la me vita
che sùbit la casca
ferida
‘nté l’aqua ‘ngiazzada
la tórna su e zó
a zinzolàrse ‘n sangióti
che i paréva finidi:
zugàtoi en tòchi.

 

Singhiozzi
Briccone il motore/ su questa barca straniera/ fa il verso al mio cuore/ canta contento/ e così in un attimo/ tartaglia/ tossicchia/ poi torna in un amen/ a far festa/ la festa di prima./ Profumi di spezie/ di aromi orientali/ si mescolano/ si perdono/ nell’acqua salata/ e nel gioco di questo mondo/ si annegano pensieri/ quelli belli di una volta/ con quelli tanto più neri./ Sulla cresta baciata dal sole/ si alza la barca/ con dentro la mia vita/ che subito casca/ ferita/ nell’acqua gelata/ torna su e giù/ a dondolarsi in singhiozzi/ che sembravano finiti:/ giocattoli a pezzi.

2° premio al 7° “La voga veneta”; Malcontenta (VE), 2006

 

 

 


Quéla ròda

Tórna ‘l pensér
a quéla vècia ròda:
en nar gualìf
per no tornar pu ‘ndrìo
‘ntrà bòcoi che sbròca
‘nvelutadi
e fòie passe
‘nmuciade arènt ai óri.
Na zìnzorla
per còri ‘nnamoradi
e salesadi
per gambe malsicure;
el sól che ‘l ride
sémpre demò ai sióri
la luna che la végia
ensòni ‘ntrà cartóni.

Bisognerìa èsser bòni
de no tegnìr su ‘l cónt
de no córerghe drìo
a raze spressaròle,
de seitàr el camìn
su la so via
‘ntrà rami che séca
e sgranzolar de ròse
che le ‘nrochìs el brónz
de l’angonìa.

 

 

Quella ruota
Torna il pensiero/ a quella vecchia ruota:/ un andare regolare/ per non tornare più indietro/ fra gemme che sbocciano/ vellutate/ e foglie appassite/ ammucchiate vicino ai cigli./ Un’altalena/ per cuori innamorati/ e selciati/ per gambe insicure;/ il sole che ride/ sempre soltanto ai signori/ la luna che veglia/ sogni fra i cartoni.// Bisognerebbe essere capaci/ di non tenere il conto/ di non rincorrere/ le lancette frettolose,/ di continuare il cammino/ sulla propria via/ fra rami che seccano/ e sgretolar di rose/ che fanno diventare roca la campana/ dell’agonia.

1° premio al 1° “Andrea Cason”, Treviso, 2006
- in "La ròda" -

 

 

Poesìa

Spazoldànd
se cór drìo nòte soliènte
a zernìr el so pòsto
su 'nté 'n rigo scorlènt:
a mesedón
gò dei sòni chì dént.
L'è falìve che vibra
nòve emozión
bòcoi de ròsa
che i davèrze la pòrta
a la nòva stagión.
L'è nòte 'mbroiade
che le vòl sgolar via
enzolarse 'ntrà lóre
deventar na canzón
a far na poesìa.
Solàgn ma contènt
a spazzón per la via
ghe la canto
a na sióra
a 'n veciòt col bastón
a 'n pòpo che 'l ride
e che 'l canta con mi.
E me sénto pu bòn
enté n'orchèstra 'ntrigada
'ntrà nòte che bala
cossì scarmenade,
col matelòt,
la sióra de prima
e 'l veciòt col bastón,
a tòr su la so aria
per conzar na cantada.

 

 

Poesia
Bighellonando/ si rincorrono note solitarie/ a scegliere il proprio posto/ su un pentagramma traballante:/ alla rinfusa/ ho dei suoni qui dentro./ Sono scintille che vibrano/ nuove emozioni/ boccioli di rosa/ che aprono la porta/ alla nuova stagione./ Sono note confuse/ che vogliono volar via/ alacciarsi fra loro/ diventare una canzone/ a comporre una poesia./ Solingo ma contento/ a spasso per la via/ gliela canto/ a una signora/ a un vecchietto col bastone/ a un bimbo che ride/ e che canta con me./ E mi sento più buono/ in un'orchestra impacciata/ fra note che ballano/ così sparpagliate,/ col bambino,/ la signora di prima/ il vecchietto col bastone,/ a prendere la propria melodia/ per arrangiare una cantata.

1° premio al 18° “El bòcolo”, Venezia, 2006

 

 

 


 

 

El cónt

 

E’ rivà ‘l tèmp
che cala ómbre
a ‘ndormenzar meridiane,
che ‘l vènt el taca
i so vèci bali
‘ntrà vanéze vérde
e sóra i pradi.
Demò adès ciàpa colór
fruti bombizzi de fadìghe
e l’ùltim arfi de calór
el li ‘mpienìs
de tuti i so saóri.

À zamai tacà
a cascar le fòie
a méter zó tapédi
‘n le cesùre,
se slónga drìo man le óre
per nòt che le se sgiónfa
de grópi e de paùre.

Enté l’óra de far cónti,
en làpis tremolènt
e ‘n pòch stremì
per colpe che fórsi
no le è pròpi tute sòe,
‘l sarà bòn de dirme,
ciar e sénza ‘mbròi,
el ségn che me vèn fòra
a drita ‘n fónt al fòi.

 

Il conto
E’ arrivato il tempo/ che calano ombre/ ad addormentare meridiane,/ che il vento comincia/ i suoi vecchi balli/ fra andane verdi/ e sopra i prati./ Soltanto adesso prendono colore/ frutti pregni di fatiche/ e l’ultimo alito di calore/ li riempie/ di tutti i loro sapori.// Hanno già cominciato a cascare le foglie/ a stendere tappeti/ nelle colture fra i filari/ si allungano mano a mano le ore/ per le notti che si gonfiano/ di groppi e di paure.// Nell’ora di far conti/ una matita tremolante/ e un poco spaventata,/ per colpe che forse/ non sono proprio tutte sue,/ sarà capace di dirmi,/ chiaro e senza imbroglio,/ il segno che mi uscirà/ sulla destra in fondo al foglio.

1° premio al 17° “Guido Modena”, San felice sul Panaro (MO), 2007
- in "La ròda" -

 

 

 

Na caréga

N’altro dì de luce Sioredio,
de sól de paze e de aria bòna
lontàn da bèghe e da canóni.
N’altro dì che ‘l m’à fat sentir la vita cara
ancabén che no ò ‘nmucià tesòri.
Le sèita le róndole ‘ntéi so ghirigòri
e i fióri ‘ntéi pradi a vestirse de colóri.
Tant che pavèle silenzióse
ò sentì paròle mute
ligade da ‘n filìn de òro:
ò vist i océti de ‘n popìn,
el sorìso de putèi ‘nnamoradi,
dó man, en mìgol enfizzade,
che le se ‘ncóntra su per la pontara.

Ò sentì l’aria de na canta
‘nté l’arfi de la vita,
en «grazie» mut zigà en còro
per en regàl sì grant
che ‘l m’è stà dat per gnènt.
Enté sto tèmp de guère e de paùre
‘ndó che massa tanti i vèn spazzadi via,
vòi èsser pront per quan che ti,
produtór, regista
e atór de sta comèdia,
te me presenterai el cónt
ennànz a darme
‘ntór a la to tàola na caréga.


 

 Una sedia
Un altro giorno di luce Signore Dio,/ di sole di pace e di aria buona/ lontano da beghe e da cannoni./ Un altro giorno che m’ha fatto sentire la vita preziosa/ sebbene che non abbia ammucchiato tesori./ Continuano le rondini nel loro ghirigoro/ e i fiori nei prati a vestirsi di colori./ Come farfalle silenziose/ ho sentite parole mute/ legate da un filino d’oro:/ ho visto gli occhietti di un bambino,/ il sorriso di ragazzi innamorati,/ due mani, un po’ aggrinzite/ che si incontrano su per la salita.// Ho sentito la melodia di una canta/ nel respiro della vita,/ un “grazie” muto urlato in coro/ per un regalo così grande/ che m’è stato dato per niente./ In questo tempo di guerre e di paure/ dove troppi vengono spazzati via,/ voglio essere pronto per quando tu,/ produttore, regista/ e attore di questa commedia,/ mi presenterai il conto/ prima di darmi/ attorno alla tua tavola una sedia.

1° premio al “Luce come fonte di pensiero”; Treviso, 2007
- in "La ròda" -
 

 

 

Vita

Canéte ondezón
péna butade
a tagnìr nivi solévi
scondùdi a qualche vèrs:
grópi de vita.

E mi soliènt
entéla mùsica zita
de ‘n lach ennamorà
pòrto a spas la vita
en la sabia solìva.

Passi a mesedón
che l’arfi de la nòt
pò ‘l li gualìva.


 

Vita
Cannette ondeggianti/ appena germogliate/ a tener sollevati nidi/ nascosti a qualche verso:/ groppi di vita.// Ed io solitario/ nella musica zitta/ di un lago innamorato/ porto a spasso la vita/ nella sabbia soleggiata.// Passi alla rinfusa/ che il respiro della notte/ poi li ripiana.

2° premio all’11° “Calastoria”; Valdagno, 2007
- in "Sol e nùgole 'n riva al lach" -

 

 

 


 

 

 

El ritorno

 

En gropàt de vèce case
che le se tègn struche al campanìl
e co le ónge ai óri
de muri a séch
e de òrti famadi.
Òrti reménghi
sgrèbeni avari
che i tòl pu che dar.
Case che le va per sóra
de storie
afeti
fadìghe:
vite nade e vegnùde
a custodìr recòrdi.

Vècio caro paés
'ntrà i me mónti
són tornà 'ntrà la me zènt
'ntrà vèci muri sgranzoladi
e salesadi 'n pè.
Són tornà a 'rfiar
i to profumi
portadi dal vènt
che ‘l sófia galantòm
per gramazi e sióri
e tuti ‘l ne gualìva.

 

 

Il ritorno
Un piccolo groppo di vecchie case/ ammucchiate sul ripido/ che si tengono strette al campanile/ e con le unghie agli orli/ di muri a secco/ e di orti affamati./ Orti raminghi/ terreni avari/ che prendono più che dare./ Case che tracimano/ di storie/ affetti/ fatiche:/ di vite andate e tornate/ a custodire ricordi.// Vecchio caro paese/ fra i miei monti/ sono tornato fra la mia gente/ fra vecchi muri sgretolati/ e selciati in piedi./ Sono tornato a respirare/ i tuoi profumi/ portati dal vento/ che soffia galantuomo/ per poveracci e signori,/ e tutti ci rende uguali.

1° premio al XIII "Conte Milone"; San Bonifacio (VR), 2007

 

 

 

 


Compìr i ani

Son zamài chì che compìsso i ani
n’altra vòlta e me vèn da girarme ‘ndrìo
cossì come se fa quan che se ‘riva
su ‘n zima a na pontara.
Sarìa ‘n bèl esercìzi, de tant en tant,
enmaginarse de gavér en brut mal
e nascòrzerse, fati fòr da la sonèra,
che la vita la ciapa na luce desgualìva.

Far finta de gavér i dì contadi
per rendérse cónt, en mìgol stralunadi,
che i è contadi per dal bòn.
Strolegar che ‘l parón de la giòstra
el pòda, cossì de cólp, domandarne
en biliét che no avén mai pagà
e, tant che putelòti, piànzer
come vigna a primavéra
perché ‘l ne lassa chì ancór
a far n’altro giro de balèra.

 

 

Compire gli anni
Sono già qui che compio gli anni/ un’altra volta e mi viene da voltarmi in dietro/ così come si fa quando si arriva/ su in cima a una salita./ Sarebbe un bell’ esercizio, di tanto in tanto,/ immaginarsi di avere un brutto male/ ed accorgersi, risvegliati dal torpore,/ che la vita prende una luce diversa.// Far finta di avere i giorni contati/ per rendersi conto, un po’ stralunati,/ che sono contati davvero./ Fantasticare che il padrone della giostra/ possa, così all’improvviso, domandarci/ un biglietto che non abbiamo mai pagato/ e, come bambini, piangere/ come vite a primavera/ perché ci lasci qui ancora/ a fare un altro giro di balera.

                                                                                                                                                      1°premio al 21° «Enrico Zorzi», Negrar (VR), 2008     -                                                                                                                                                                                                                                                        in  "La ròda"                                                                                                                                                                                                                                                              
                                                                                                                                                         
                                                                                                                                                                                                              

 

 

 

En dói

 

Se ‘nmùcia ‘l tèmp
entél so nar adàsi,
se 'ngrópa spini
‘ntór a ‘n bocolét de ròsa,
devénta grisi man a man colóri
che i avéva ‘mpizzà
océti de la vita.
La vèn en mìgol rùzena la ròda
sbolsìna l’arfi adès che se fa séra
e la balèra l’èi deventada vòida
per ómbre che se zérca e no se tróva.

No l’è pu tèmp de danze
l’è assà l’ensòni e la vòia
de dó man che, tant che algéri,
le se tróva ‘nté ‘n gróp
e le se strènze
su pontare che le s’à fate érte.

 

 

 

 


In due (traduzione letterale)
Si ammucchia il tempo/ nel suo andare adagio,/ si annodano spini/ attorno a un boccolo di rosa,/ diventano grigi mano a mano i colori/ che avevano illuminato/ occhietti della vita./ Diventa un po’ arrugginita la ruota/ imbolsisce il respiro adesso che si fa sera/ e la balera è diventata vuota/ per ombre che si cercano e non si trovano.// Non è più tempo di danze/ è sufficiente il sogno e la voglia/ di due mani che, come ieri,/ si ritrovano in un groppo/ e si stringono/ su salite che si sono fatte ripide.

                                                                                                                                                                                                              2° premio al 14° "Città di Rovigo", 2008
                                                                                                                                                                                                                                     - in "La ròda" -


Motivazione della giuria.
Con grazia del dialetto trentino, il poeta rappresenta lo sfiorire dell'esistenza, che perde forza, colori e slanci. Non resta che l'amore di due mani che si stringono quando le salite "le s'à fate érte".


                                                                                                                                                                                                                                             

 

 

 

 

Me zògo la vita

 

Fórsi sto silènzio gréf per le contrade,
sto vènt melèns che ‘l zòga
a svoltolar fòie zamài mòrte,
che ‘l pirla a ‘mpizzar sperèi de case òrbe …

Fórsi la vòia de dirte na parola
ennànz che ‘l se sèra ancór el ziél,
entél so nar lizér e silenzióso,
sóra a n’altro dì che adès se ‘ngruma …

Fórsi me zògo la vita drìo a coltrìne mute
spetando na vóze zita ‘ntél fruar solàgn
de óre amare ‘ntramezzade a ‘nsòni
e scainar de cani ‘n le fizze de la nòt.

 

 

 

Mi gioco la vita (traduzione letterale)
Forse questo silenzio pesante per le contrade,/ questo vento melenso che gioca/ a svoltolare foglie già morte,/ che rotea ad illuminare telai di case cieche …//
Forse la voglia di dirti una parola/ prima che si chiuda ancora il cielo/ nel suo andare leggero e silenzioso/ sopra a un altro giorno che adesso si rapprende …//
Forse mi gioco la vita dietro a tende mute/ aspettando una voce silenziosa nel consumare solitario/ di ore amare intramezzate a sogni/ e guaire di cani nelle pieghe della notte.

                                                                                                                                                                                                                       

                                                                                                                                                                        2° premio al 7° "Città di Lonigo", VI, 2009

                                                                                                                                                                                    - in "La ròda"

                                                                                                                                                                                                                                                                                             -                                                                                                                                                                         

                                                                                                                                                                                                                                                                              

 

 

 

 

Làgreme scondude

Voialtri che ve scondé no se sa ‘ndóve
tant che ragni ‘ntél so bus,
amìzi che lezé quél che mi scrivo
‘nté ‘n dialèt desmentegà,
no sté a fermarve a parole
coìde una a una, zirése malmadùre,
zerché quél fil fin che ‘l le liga ‘ntrà de lóre.


Scavé zó sót entrà le fizze
de zòghi ‘ntorcoladi scampadi fòr,
squasi svoidadi da ‘n còr encarolà.
E se trové, chì e là, na qualche làgrema
sconduda a qualche vèrs,
sughéla su con na mòrbida carezza.
Se repèzza cossì sbrèghi e sfrizzóni:
animèla che l’à finì ‘l stopìn
de na vita sbrindolón che la schechéza.

 

 

 

Lacrime nascoste (traduzione letterale)
Voi che vi nascondete non si sa dove/ come ragni nel proprio buco,/ amici che leggete quel che io scrivo/ in un dialetto dimenticato,/ non fermatevi a parole/ raccolte una a una, ciliegie acerbe,/ cercate quel filo sottile che le lega fra loro.// Scavate giù sotto fra le pieghe/ di giochi arrovellati scappati/ quasi svuotati da un cuore tarlato./ E se trovate, qui e là, una qualche lacrima/ nascosta in qualche modo,/ asciugatela con una morbida carezza./ Si rattoppano così strappi e trafitte:/ fiammella che ha finito lo stoppino/ di una vita a brandelli che tartaglia.

1° premio al 18° "Guido Modena", San Felice sul Panaro, MO, 2009


Critica di Italo Bonassi https://italobonassi.wordpress.com/about/
Mi pare molto bella, esemplare di un poeta allo stato puro, che battaglia più che con gli altri soprattutto con sé stesso.
L’orgoglio di scrivere in un “dialet desmentegà”, quello non ancora inquinato, ma pulito, verace, quello che fa parte della storia di un popolo nonostante tutto ancora attaccato in parte alle proprie tradizioni, è lo stesso orgoglio con cui a volte pure io tento di non far morire un dialetto, quello mio, che, più che “desmentegà” è morto o morente, quello dell’Istria, dei miei genitori, dei miei nonni, dei miei bisnonni, della mia gente che non c’è più, scomparsa anche quasi nella memoria.
Mi commuove l’invito “no sté a fermarve a parole coìde una a una, zirese malmadure, zerché quel fil fin che ‘l le liga ‘ntrà de lóre”. Questo è per me il passaggio più bello e più poetico dell’intera composizione, il nocciolo, anzi il cuore, il clou, del complesso tema della continua e lenta disaffezione alla parlata dei propri vecchi.
Una poesia però pessimista, amara, un invito a scavare nei versi ( e nel cuore ) del poeta , per repezzar sbreghi e sfrizzoni ed asciugare qualche lacrima.
Malinconico, se si pensa anche a sé stessi, quello “stopin de na vita che la schechéza”. Particolarmente efficace il verso finale,”schechéza”, quasi sarcastico, e che ben si confà come falsa rima con la “carezza” e che, anche come pronuncia, sdrammatizza in parte quell’inquietante figura dell’ “animèla” che ha finito lo stoppino. Come una risata a sfida del destino.

 30.01.2012


 

 

 

 

Aqua                                                                                    Acqua

 

No gh’è pu aqua gnanca per i sióri                                         Non c’è più acqua nemmeno per i ricchi
[formént e riso i manca za da ‘n pèz]                                      [frumento e riso mancano già da un pezzo]
gh’è massa pòra zènt che la stà ‘n mèz                                  c’è troppa povera gente che sta in mezzo
che la gà sé ne pu ne mén de lóri.                                          che ha sete Né più né meno di loro.

 

El móndo ‘l s’à fat pìcol dént ai óri                                           Il mondo s’è fatto piccolo dentro ai confini
quéi tési i varda i altri de sbighèz                                            quelli sazi guardano gli altri di traverso
sbòvi négri tiréve fòr de mèz                                                   scarafaggi neri tiratevi fuor di mezzo
se volé sparmiarve altri dolori.                                                 se volete risparmiarvi altri dolori.

 

Se i beve tuti ‘n bicér d'aqua al dì,                                          Se bevono tutti un bicchiere d’acqua al giorno,
no se sbara pu neve col canón                                                 non si spara più neve col cannone
se pòl serar le tèrme e la pissìna                                            si possono chiudere le terme e la piscina

 

ma ‘ntant i sbòvi négri za i se bina                                          ma intanto gli scarafaggi neri si radunano
a reversar sto mondo sì ‘mbroión                                           a ribaltare questo mondo così imbroglione
anca se de qua no i à ancór capì                                            anche se di qua non hanno ancor capito

 

che ‘l zòch l’è zamai finì:                                                          che il gioco è già finito:
dré a l’ancòi no ghe sarà ‘n domàn                                        dietro all’oggi non ci sarà un domani
se quèi pu tési no i ghe dà na man.                                        se quelli più sazi non gli danno una mano.
                                                 
                                                                                 
                                                                                                                                                                                                               2° premio al 1° "Città di Grottammare, AP, 2010

                                                                                                                                                                                                                           


Motivazione della giuria
Pregevole nella forma - trattasi infatti di un sonetto "caudato" (schema ABBA-ABBA-CDE-EDC-cFF), che chiaramente denota nell'autore una grande capacità stilistica - anche sul piano contenutistico la lirica si fa apprezzare sensibilmente per una tematica di forte impegno civile: l'acqua, questo bene primario che può finire da un momento all'altro se gli "scarafaggi neri" (pensiamo agli speculatori e ai profittatori) non si toglieranno di mezzo e l'umanità tutta non ne prenda doverosa coscienza. Poeta dalle indubbie capacità poetiche, nonché dotato di grande idealità: il che non è poco!

 

 

 

 

 

Ora tèndra
 

Se descolorìs la luna,
smorza océti le stéle,
davèrze sperèi la nòt
al sfiantesimar de la bruma,
ai colori del dì,
a le vózi de putèle ‘nnamorade.
L’è l’óra tèndra quan che la luna
la soména i ultimi fili d’arzènt
entrà i zesóni
e ‘l dì, drìo ai cantóni,
l’è ‘nmagà;
quan che stròf e luce i se mìssia
tant che bosìa e verità
sénza pu n’ór
tant che òm e dòna
quan che i fa l’amór.
Se sfanta i ensòni
e le paùre de la nòt
e col me fagòt
me trago fòr dal nif,
en mìgol desavì,
su sta giòstra
bardassa e zugatolona.

 

Ora tenera
Si scolorisce la luna,/ spengono occhietti le stelle,/ apre telai la notte/ al lampeggiare della brina,/ ai colori del giorno,/ alle voci di ragazze innamorate./ E’ l’ora tenera quando la luna semina/ gli ultimi fili d’argento/ fra i cespugli/ e il giorno, dietro ai cantoni,/ è incantato;/ quando buio e luce si mescolano/ come bugia e verità/ senza più un confine/ come uomo e donna/ quando fanno l’amore./ Si dileguano i sogni/ e le paure della notte/ e col mio fagotto/ mi butto fuori dal nido,/ un po’ scipito,/ su questa giostra/ birba e giocherellona.
                                                    
                                                                                                                                            2° premio al 4° "Terrasanta", Villafranca, VR, 2010
                                                                                                                                                                                            
 -                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               in "La ròda" -

 

 






 
Sércio ‘nruzemì

Drìoman che se svizìna ‘l pòrt
e sta vècia barca ‘n cit encarolada
la taca a scriciolar per rèumi ai snòdi
vegnudi ruzenóni, me par che
de soportar se devénta ‘n mìgol pu bòni.

De nòt, quan che ‘l silènzio
‘l se fa pu spés e se pèrde i penséri
drìo a vèce stòrie che no le masna pu,
me védo tant che marionéta,
comparsa de ‘n gran spetacolo
che se sa zamài adès come ‘l finirà.

E seànca che la vernìs l’à za tacà
da ‘n pèz a vegnìr via a scàie,
‘ntél silènzio che l’è ancór el parlar
pu s’cèt, se sénte fòrt la vóze del còr
a coertar el clich de n’archét:
quél sércio ‘nruzemì che adès se sèra
‘nsèma al sipari de sta vècia sèna.

 



Cerchio arrugginito (traduzione approssimativa)
Via via che si avvicina il porto/ e questa vecchia barca un po’ tarlata/ comincia a scricchiolare per reumatismi alle giunture/ che hanno fatto la ruggine, mi sembra che/ di sopportare si diventi un pò più capaci.// Di notte, quando il silenzio/ si fa più denso e si perdono i pensieri/ dietro a vecchie storie che non macinano più,/ mi vedo come una marionetta,/ comparsa di un grande spettacolo/ che si sa già ora come finirà.// E sebbene la vernice abbia già cominciato/ da un pezzo a venir via a scaglie,/ nel silenzio che è ancora il parlare/ più schietto, si sente forte la voce del cuore/ a coprire el clic di una tagliola:/ quel cerchio arrugginito che adesso si chiude/ assieme al sipario di questa vecchia scena.
 







             1° premio alla 4a edizione del "Roberto Fertonani"
             Rivarolo Mantovano, 2010
                 in "La ròda"










Motivazione della giuria
Sfruttando abilmente le componenti foniche del suo vernacolo, l'autore intesse una serie di analogie che impreziosiscono la triste riflessione sui guasti e le
disillusioni della vecchiaia





 





 

Ma ti me vòt bèn?

L’è ‘n zògh sifàt en strambéz de la vita
en nar en vègner, el dì dré la nòt,
de létere sgiónfe tant che na bót
de paroline dólze a calamita
 

che la tira e pò la para via zita
amóri sbrocadi cossì de bòt
che i te lassa sgnèch tant che bròcol còt
a l’òrba su ‘nté na giòstra enfinita.
 

En l’ultima che te m’ài scrit algéri
te sformìgola ‘n la testòta mata
en sach de dubi e tanti diapiazéri
 

che forsi no te vòi pu bèn, beata!
‘Ntant che te pianzi come al zimitèri
che te mòli zó làgreme a cascata
 

me scòrzo matelata
te ‘l digo ciar e nèt, scólteme bèn,
‘ndó ‘l tróvo scrit che ti te me vòi bèn?

 



 

 



Ma tu mi vuoi bene? (traduzione letterale)
È un gioco fatto così una stramberia della vita/ un andare un venire, il giorno dietro la notte,/ di lettere gonfie come una botte/ di paroline dolci a calamita// che attira e poi respinge zitta/ amori sbocciati cossì di colpo/ che ti lasciano floscio come broccolo cotto/ alla cieca su una giostra infinita.// Nell’ultima che mi hai scritto ieri/ ti brulicano nella testolina balzana/ un sacco di dubbi e tanti dispiaceri// che forse non ti voglio più bene, beata!/ Intanto che piangi come al cimitero/ che fai cadere lacrime a cascata// mi accorgo ragazzina/ te lo ico chiaro e netto, ascoltami bene,/ dove lo trovo scritto che tu mi vuoi bene?


Il Prefetto Stancari consegna il primo premio con medaglia d'oro a Guido Leonelli


1° premio

                                         al 6° Concorso nazionale di poesia  "La Carica"
                                                               Pastrengo (VR), 2011


Motivazione della giuria
Lettere che vanno e vengono, un andare e venire di parole, di richieste, di promesse che creano un gioco di specchi, una giostra da cui si scende e poi si risale. Un gioco reso ancora più vividamente dalla struttura metrica: cinque strofe (due quartine e tre terzine), tutte di endecasillabi, fatta eccezione per un solo settenario, con schema metrico ABBA ABBA CDC DCD dEE. Forma metrica questa di antica tradizione: il sonetto caudato, in questa forma già impiegato nel Trecento, soprattutto nella poesia comico-realistica. Il settenario, in rima con l’ultimo verso del sonetto regolare, segna la svolta: “ me scòrzo matelata” cioè “mi accorgo ragazzina” un rovesciamento vero e proprio in chiave autoironica, che si riverbera anche sulla scrittura. I dubbi, prima manifestati dall’amata, ricadono ora su di lei fino a chiederle dove è scritto che lei lo ama. Testo dunque in cui, come non spesso accade, la vicenda amorosa è trattata con leggerezza ironica e on sapienza linguistica e stilistica.


 

 

Sòrt e bonasòrt

Capisso còssa vòl dir bonasòrt
demò quan che i védo sui so barcóni
quéi zóveni che no i è stadi bòni
de ‘mbroiàrghe le carte a la so sòrt.

I dis che l’è òrba come ‘n mòrt
ma la se scónde bèn entéi cantóni
‘ntéle fizze ‘nfizzade e ‘n le stagioni
de ‘n zògh che man a man el se fa córt.

No la varda ‘ntéi òci dal rispèt
la fa quél che la pòl per qualivar
ma gh’è quél che buta e quél che tiróna

che ‘l ghe fa ‘l sgambét che no la sia bòna
de róter el sércio e de reversar
equilibri antichi con en tai nèt.

Anca se son porét
me sènto de cólp basà da na stéla
la pu lusènta e pròpi la pu bèla.

 

 

 

 

Destino e fortuna (traduzione letterale)
Capisco cosa significa fortuna/ solo quando li vedo sui loro barconi/ quei giovani che non sono stati capaci/ di imbrogliare le carte al proprio destino.// Dicono che sia cieca come la morte/ ma si nosconde bene nei cantoni/ nelle grinze raggrinzite e nelle stagioni/ di un gioco che mano a mano si fa corto.// Non guarda negli occhi per la vergogna/ fa quello che può per ripianare/ ma c’è quello che spinge e quello che tira// che le fa lo sgambetto perché non sia capace/ di rompere il cerchio e di rovesciare/ equilibri antichi con un taglio netto.// Anche se sono poveretto/ mi sento di colpo baciato da una stella/ la più splendente e proprio la più bella.

 



1° premio
al 3° Concorso Nazionale di Poesia di Grottammare
anno 2012


 

 


Motivazione della giuria
     Sonetto “caudato” (schema ABBA-ABBA-CDR-EDC-eFF), ineccepibile sul piano sillabico e formale, con versi lineari e di spiccata musicalità, per un dialetto ostico e di diffice lettura come quello trentino, che testimonia di un autore di grande padronanza stilistica, cui unisce un considerevole afflato poetico.
     Sul piano tematico ci si narra che la fortuna si dice sia cieca: e lui se ne rende conto quando vede quegli uomini disperati – che, appunto, la cercano – sopra barconi traballanti, sfidando perfino la morte.
     Ma la fortuna è altro ancora nella lirica, che qui tuttavia evitiamo di rissumere. Evidenziamo di contro la considerazione nostra di una lirica di forte impegno civico e sociale, di rilevante bellezza formale e sostenuta da grande ispirazione.

 

 

 

 

 

 

Dó lugherini

 

Luna lunona gò chì na domanda:

ti che ‘ntél ziél te fai da sentinèla

che ‘ntrà le stéle te séi la pu bèla

perché no te vardi da l’altra banda

 

ma curiosona te ghe vai en banda

rasènt ai muri e fòr per la stradèla

quan che i amorèza en camporèla

dó morosòti, oh luna pelanda?

 

Te vardi con en cit de gelosia

dént e fòra da barbe de la nòt

ma pròpi quan che ‘l stròf el dà ‘n strucón

 

con arie da maestrina za ‘n pensión

te devénti estrosa e cossì de bòt

te te scóndi e té i lassi enté l’ombrìa.

 

Sbólsega la nòt al fum de camini

i se struca ‘ntél nif dó lugherini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Due lucherini

Luna lunona ho qui una domanda:/ tu che nel cielo fai la sentinella/ che fra le stelle sei la più bella / perché non guardi dall’altra parte// ma curiosona vai loro a fianco/radente ai muri e lungo la stradella/ quando amoreggiano nei prati/ due fidanzatini, oh luna sgualdrina?// Guardi con un po’ di gelosia/ dentro e fuori da barbe della notte/ ma proprio quando il buio dà uno strizzone// con arie da maestrina già in pensione/ diventi estrosa e così di colpo/ ti nascondi e li lasci nell’ombra.// Tossicchia la notte al fumo di camini/ si stringono nel nido due lucherini.

 

 

 

 

 

 


 

1° premio

al 23° Concorso "Raìse" di Arquà Polesine (RO)

2014
 

Motivazione della giuria

Le antiche forme della poesia scritta non muoiono nei libri se qualcuno sa riscaldarle con adeguati contenuti. È il caso di questo sonetto caudato. Si tratta di una "gabbia" di endecasillabi e di rime obbligate che il nostro autore ha piegato all'ispirazione. La composizione di Guido Leonelli ha pochissimi elementi: la luna, due giovani amanti sul prato e due uccelli che si stringono nel loro nido. Così il canto d'amore è pienamente espresso fra presenza naturale e istintività umana fuse in una forma unica.

 

 

 

Balanzìn de precisión

 

La bèca l’aria ‘n la sera ciara

de n’istà che la sténta a farse fòra.

Brìgola zènt per le strade

tant che formìghe ciapade ‘ntél so formigar.

I gà tuti mili ròbe da far

entant che ti e mi,

strucchi per man,

portén ennànz passi lènti

sènza na mèta.

La nòt l’èi nèta

sót a na luna panzóna

postada lì a ténderghe

a ‘n móndo scorlandón

endó che basta ‘n sól faimalón

a sbregar equilibri setìli

de ‘n balanzìn de precisión.

 

 

 

Bilancino di precisione

Punge l’aria nella sera chiara/ di un’estate che stenta a definirsi./ Brulica gente per le strade/ come formiche indaffarate nel proprio formicaio./ Hanno tutti mille cose da fare/ intanto che tu ed io,/ stretti per mano,/ portiamo avanti passi lenti/ senza una meta./ E’ limpida la notte/ sotto una luna panciona/ appoggiata lì a badare/ ad un mondo traballante/ dove basta un solo pasticcione/ a lacerare equilibri sottili/ di un bilancino di precisione.

Vita

 

Canéte ondezón

péna butade

a tagnìr nivi solévi

scondùdi a qualche vèrs:

grópi de vita.

 

E mi soliènt

entéla mùsica zita

de ‘n lach ennamorà

pòrto a spas la vita

en la sàbia solìva.

 

Péste a botafàs

che l’arfi de la nòt

pò ‘l le gualìva.

 

 

 

Vita

Cannette ondeggianti/ appena germogliate/ a tener sollevati nidi/ nascosti a qualche verso:/ groppi di vita.// Ed io solitario/ nella musica zitta/ di un lago innamorato/ porto a spasso la vita/ nella sabbia soleggiata.// Impronte alla rinfusa/ che il respiro della notte/ poi le ripiana.

 

 

 

 

Sgrìsoi

 

Sgrìsoi fóndi

zó per la schéna

al zigàr de le ròde

su le sine

entél silènzio

de na nòt endormenzada.

 

Se no te ‘rìvi ti

mi mónto su

e parto desperà

per no tornar mai pu.

 

 

Brividi
Brividi fondi/ giù per la schiena/ allo stridere delle ruote/ sulle rotaie/ nel silenzio/ di una notte addormentata.// Se non arrivi tu/ io salgo/ e parto disperato/ per non tornare mai più

 

 

2° premio
"Salva la Tua Lingua Locale"; seconda edizione; Roma Campidoglio, 2014

 

Motivazione della Giuria presieduta dal prof. Giulio De Mauro:
Pacata tensione descrittiva, resa attraverso un'attenta scelta lessicale nel dialetto trentino e figurazioni volutamente e gradevolmente blande

 

 

 

 

Che scarognadi

 

Ve l’ò za dit no vòi quél dì campane

sgrenghenade a sonarme l’angonìa

pézo ancór no vòi gnanca che ghe sia

róze de làgreme a far brentane.

 

Paréle via vèce carampane

che no se sa gnanca chi che le sia

che le mòmola e le saverìa

con vòide ciàcere enfiadir colane.

 

Adès che tuti i fili i s’à moladi

vòi gòderme 'l silènzi e i so remóri

agoléta sgolar sui me sintéri

 

endó che sluse za nòvi colori

ndó che i passi a le tante i è lizéri

e nùgole le scónde via pecadi.

 

I é pròpi scarognadi

quéi che riva adès ladri 'nté la nòt:

ò magnà fòr tut son chì pròpi biót.

 

 

 

Che sfortunati (Traduzione letterale)

Ve l’ho già detto non voglio quel giorno campane/ stonate a suonarmi l’agonia/ peggio ancora non voglio nemmeno che ci siano/ torrenti di lacrime a fare allagamenti.// Cacciate le vecchie bisbetiche/ che non si sa neanche chi siano/ che biascicano e sarebbero capaci/ con vuote chiacchiere di gonfiare collane.// Adesso che tutti i fili si sono allentati/ voglio gedermi il silenzio e i suoi rumori/ aquilotto volare sui miei sentieri/ dove splendono già nuovi colori/ dove i passi finalmente sono leggeri/ e nuvole nascondono i peccati.// Sono proprio sfortunati/ quelli che arrivano adesso ladri nella notte:/ ho dissipato tutto sono qui proprio biotto.

 

 

2° premio

"Voci", Città di Abano Terme; 2016

 

 

Motivazione

"Che scarognadi". Certo: come altro potrebbero essere definiti coloro che hanno davvero dissipato la vita riempiendola di "vòide ciàcere"?

Anche chi scrive dice di aver sperperato tutto per restare "pròpi biót" (completamente nudo) quando arriverà "quel dì", ma la sua non è vuota nudità; è pèienezza, sicurezza di non poter essere derubato dai "ladri 'ntéla nòt": gli scalognati appunto.

 

Calendario  Calendario
Data: 17/08/2022
Ora: 06:13
« Agosto 2022 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31    

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.5668 seconds.