Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rfoi de destrni
      Uce che sponze
      Sgve de vita
      Amor en znzorla
      Sol e ngole en riva al lach
      Far buti nvi
      An bisst
      La rda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062699


Le mie raccolte » Sol e ngole en riva al lach

 

Vita
 
Canéte ondezón
péna butade
a tagnìr nivi solévi
scondùdi a qualche vèrs:
grópi de vita.
 
E mi soliènt
entéla mùsica zita
de ‘n lach ennamorà
pòrto a spas la vita
en la sàbia solìva.
 
Passi a mesedón
che l’arfi de la nòt
pò ‘l li sgualìva.
 
 
Vita.
Cannette ondeggianti/appena germogliate/ a tener sollevati nidi/ nascosti a qualche verso:/ groppi di vita.// Ed io solitario/ nella musica zitta/ di un lago innamorato/ porto a spasso la vita/ nella sabbia soleggiata.// Passi alla rinfusa/ che il respiro della notte/ poi li ripiana.

 

 

 

 

Na séra de istà

 
Enmuciava silènzio sóra silènzio
el dì
e sangiotàndo 'l brigoléva
sóra l'arèla de le óre strache.
El ziél sbasì
enté l'aria stórna
el se 'nviéva scalcagnà vèrs séra.
Enté l'óra dei rimòrsi
el se tréva via 'l dì
e con malinconìa 'l se scondéva
enté la sòm.
Pian la se cavéva fòr la luna
en la so pèl ciàra e trasparénte
e 'l lach,
s'ciarì da n' ariesèla pura,
el tachéva a ninar
barche silenziose.
La séra,
deventada dólza e seréna,
la ne tegnìva tuti
sót a na grand'ombrèla.
 
 
 
Una sera d'estate
Ammucchiava silenzio su silenzio/ il giorno/ e singhiozzando era irrequieto/ sopra il graticcio delle ore stanche./ Il cielo smorto/ nell'aria intronata/ si avviava sformato verso sera./ Nell'ora dei rimorsi/ si buttava via il giorno/ e con malinconia si nascondeva/ nel sonno./ Piano si svestiva la luna/ nella sua pelle chiara e trasparente/ e il lago,/ rischiarato da un'arietta pura,/ cominciava a ninnare/ barche silenziose./ La sera,/ diventata dolce e serena,/ ci teneva tutti/ sotto ad un grande ombrello.
 
 

 

 

Madonina de la Vigolana

 
El lach spatùz, 
la Màndola melènsa
che la passa zó
'ntrà òrti e pradi
tant che i ensòni
giusto desmissiadi
i me passa ennànz
e tut entór
come quadri
de 'n gran pitór.
E lévo i òci
su per la boscàia
fin ai sbrichi sevéri
de la Vigolana:
védo ‘n lusór
ròsa porporìna
che 'l ghe 'mpizza la vèsta
de la Madonina.
L'è 'l bòn dì
che silenziós el sbrizza
che 'l sòna a farghe l'èco
de bonóra,
aqua ciàra
de na bevadóra
per en còr mai tés
ma che 'l va per sóra.
E me domando,
semplizòt,
se vèn tut cossì
da so pòsta
o se no l'è 'nvéze
spenelade de colór
de 'n grant artista
che 'n scambi de gnènt
el ne 'mpitùra
'n quadro tuti i dì
e 'l ne lo méte chì
cossì en bèla vista.
 
 
Madonnina della Vigolana.
Il lago scarmigliato/ la Màndola melènsa/ che passa giù/ fra orti e prati/ come i sogni/ appena risvegliati/ mi passano davanti/ e tutto attorno/ come quadri/ di un grande pittore./ E alzo gli occhi/ su per la boscaglia/ fino ai dirupi severi/ della Vigolana:/ vedo uno splendore/ rosa argentato/ che illumina la veste/ della Madonnina./ E' il buon giorno/ che silenzioso sgorga/ e suona a fargli l'eco/ la mattina presto,/ acqua chiara/ di un abbeveratoio/ per un cuore mai sazio/ ma che trabocca./ E mi domando,/ ingenuo,/ se viene tutto così/ per proprio conto/ o se non sono invece/ pennellate di colore/ di un grande artista/ che in cambio di niente/ ci dipinge/ un quadro tutti i giorni/ e ce lo mette qui/ così in bella vista.

 

 

 

 

Nàsser e morir

Quan che me 'nvìo
per strade vòide lónch el lach
me par de sgolar
lizér cóme na puma
e sénto smolesinarse dént
la bruma che la m'avéva recamà
el còr de giàz.
I òci i bina su
e i se 'mpienìs
de mili còse bèle:
l'aqua che la spègia 'l ziél
i mónti, i àrboi, le casotèle;
l'è 'l quadro de 'n pitór
che 'l se divèrte
a cambiar colór
dréo a ogni curva,
na séna sémpre nòva
cossì 'ntél so lusór.
E mi rèsto 'mbambolà
e me vèn el baticòr
per làgreme che le sténta
a vegnir su
e no capisso pu
se l'è pianzer o rìder che vorìa
ennànz a sta poesìa
che la me cava 'l fià.
E per dal bòn no saverìa
se morìr cossì contènt
o continuar ancór a vìver
filàmpoi de felizità.
Passi stórni i se 'nmùcia:
en nàsser e 'n morìr
tuti i dì cossì
sénza mai finìr.
 
 
 
Nascere e morire.
Quando mi avvio/ per strade vuote lungo il lago/ mi sembra di volare/ leggero come una piuma/ e sento ammorbidirsi dentro/ la brina che mi aveva ricamato/ il cuore di ghiaccio./ Gli occhi raccolgono e si riempiono/ di mille cose belle/ l'acqua che specchia il cielo/ i monti, gli alberi, le casette;/ è il quadro di un pittore/ che si diverte/ a cambiar colore/ dietro ad ogni curva,/ una scena sempre nuova/ così nel suo splendore./ Ed io resto imbambolato/ e mi viene il batticuore/ per lacrime che stentano/ a venir su/ e non capisco più/ se è piangere o ridere che vorrei/ davanti a questa poesia/ che mi toglie il fiato./ E davvero non saprei/ se morire così contento/ o continuare ancora a vivere/ sfilacciature di felicità./ Passi storditi si ammucchiano:/ un nascere e un morire/ tutti i giorni così/ senza mai finire.

 

 

 

 

Tacà co le ónge
 
Ghirli de l'aqua
engiotìs gózze ciare de luna.
Entrà le cane
i pìcoi de ànedra
l'è sboféte che se cuna.
El ziél pianpianìn el se 'nfila
'nté na baréta négra:
se cèta l'àrfi de sta tèra.
Tant che ból enspudicià,
tacà co le ónge
a sto móndo che 'l scórla,
scólto strangossón
e co la peldòca
se la se àsia
la vècia dal tabar négro
a bàter la falz.
A chi ghe tocheràlo,
sta vòlta?
 
 
 
Aggrappato con le unghie.
Mulinelli dell'acqua/ inghiottiscono gocce chiare di luna./ Fra le canne/ piccoli di anitra/ sono bolle si sapone che si cullano./ Il cielo pian pianino si infila/ in un berretto nero:/ si quieta il respiro di questa terra./ Come francobollo incollato con lo sputo,/ attaccato con le unghie/ a questo mondo che traballa,/ ascolto con la pelle d'oca/ se si prepara/ la vecchia dal tabarro nero/ a battere la falce./ A chi toccherà,/ questa volta?
Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 05:32
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.7306 seconds.