Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rfoi de destrni
      Uce che sponze
      Sgve de vita
      Amor en znzorla
      Sol e ngole en riva al lach
      Far buti nvi
      An bisst
      La rda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062720


Le mie raccolte » Amor en znzorla

 

 

Òto de marz

 
Ancòi, òto de marz,
tant che frasèla
zernìda
te deslìgo tuti i véli
per liberarte fòr
putèla.
Ancòi, òto de marz,
el sól el se fa sitèla
el ghe fa tute le còcole
el la scalda e pò 'l la basa
sta stéla giust sbrocada
che sfiantìsema 'ntél ziél
per èsser bèn mirada
cossì sénza coltrìne.
Ancòi, òto de marz,
paro via le terlaìne
te cavo zó 'l to burca
négro e tut de raso
e senza dirte gnènt
(no sèrve la tavèla)
te baso e ancór te baso
bèla putèla.
 
 
 
Otto marzo
Oggi, otto marzo/ come lampo/ scelto/ ti slaccio tutti i veli/ per liberarti/ ragazza./ Oggi, otto marzo,/il sole si fa fuoco artificiale/ le fa tutte le coccole/ la scalda e poi la bacia/ questa stella appena sbocciata/ che lampeggia nel cielo/ per essere ben ammirata/ così senza tendine./ Oggi, otto marzo,/ caccio via le ragnatele/ ti tolgo il tuo burka/ nero e tutto di raso/ e senza dirti niente (non serve parlantina)/ ti bacio e ancora ti bacio/ bella ragazza.
 
 
 

 

Finalmént

 
E finalmént
ancòi
el scrìcola 'l lèt
e anca le as
encarolade del pavimént
le gà i sgrisolóni.
Bisògn èsser bòni
de spetar
con paziénza
che passa dì pégri
fin quan che te vèdo
vegnìr drìo la sfésa
zó 'n fónt
al cantón de la via.
Ancòi te séi mia.
Demò fin domàn.
Ma stanòt
ne struchén en quél zògh
che 'l paréva
'l se fussa 'nterót
a ntramezar pensèri
destrani e vòie
de ancòi
e de algéri.

 

Finalmente
E finalmente/ oggi/ scricchiola il letto/ e anche le assi/ tarlate del pavimento/ hanno i brividi./ Bisogna essere capaci/ di aspettare/ con pazienza/ che passino giorni pigri/ fin quando ti vedo/ venire dietro la fessura/ giù in fondo/ al cantone della via./ Oggi sei mia./ Soltanto fino a domani./ Ma stanotte/ ci stringiamo in quel gioco/ che sembrava/ che si fosse interrotto/ a intramezzare pensieri/ nostalgie e voglie/ di oggi/ e di ieri.
 
 

 

 

Zòghi sacri

 
Postadi
al stròf
de na nòt
sénza luna
i zòga
ansand
ai sacri zòghi
de l'amór.
Strucade
carézze
e po’ basi
dati
e robadi.
Zòghi fini
che i cava 'l fià
zòghi antichi
che nessùn
gà 'nsegnà.
El zògh pu bèl
che 'l svòida
l'ànima
e 'l la 'empienìs
e tant che 'n bis
che 'l se revòlta
el scomìnzia
ancór
n'altra vòlta.
La se sfanta
zó drìo ai mónti
la calùzen
de la nòt
entànt che chì
su 'nté na banchéta
na sòn fónda
la sconfónde
'nté 'n sól giòm
la putèla
col so òm.

 

Giochi sacri

Appoggiati/ al buio/ di una notte/ senza luna/ giocano/ ansimando/ ai sacri giochi/ dell'amore./ Strette/ carezze/ e poi baci/ dati/ e rubati./ E palpeggiamenti./ Giochi fini/ che tolgono il fiato/ giochi antichi/ che nessuno/ gli ha insegnato./ Il gioco più bello/ che vuota/ e riempie/ e come una biscia/ che si rivolta/ comincia/ ancora/ un'altra volta./ Svanisce/ giù dietro ai monti/ la fuliggine/ della notte/ intanto che qui/ su una panchina/ un sonno profondo/ confonde/ in un solo gomitolo/ la ragazza/ col suo uomo.

 

 

 

 

Amór putèl

 
Engualnòt
i se tègn struchi
dó putèi
e sóra a l' arfi de la séra
i se basa
postadi a la strovèra.
Faséndo scondiròle
'ntrà nùgole
che de sti mistéri
no le sa gnènt,
la se spègia 'ntél lach la luna
e la se véde bèla
en la so vestòta bianca.
I se vòl bèn
i dó putèi
che i ghe fa l'océt
i ghe smòrza la lum
e i se scónde
'ntél zògh de l'amor.
E no i gh'è pu.
Dó ómbre
'ntrà ómbre
entànt che 'l móndo
'l decìde
de 'nviar via n'altra guèra.
 
 
 
Amore ragazzo
All'imbrunire/ si tengono stretti/ due ragazzi/ sopra il respiro della sera/ e si baciano/ appoggiati all'oscurità./ Muovendosi di soppiatto/ fra nuvole,/ che di queste faccende/ non sanno niente,/ si specchia nel lago la luna/ e si vede bella/ nella sua vestina bianca./ Si vogliono bene/ i due ragazzi/ le fanno l'occhiolino/ le spengono la luce/ si nascondono/ nel gioco dell'amore./ E non ci sono più./ Due ombre/ fra ombre/ intanto che il mondo/ decide/ di iniziare un'altra guerra.
 
 

 

 

Se podéssa

                       Se podéssa.
Se podéssa smorzar zó
tute quante le luméte
e pò tant che 'n vècio
mago che fa nar
la so bachéta
'mpizzar la luna mata
empizzarla sól per noi
pròpi 'ntant che fén l'amór.
Se podéssa.
Se podéssa
sentà zó su la banchéta
ascoltar silènzi spéssi
de le ómbre slonghignóne
l'arfi bóls
en la nòt che tase
el vènt che 'l canta
'ntrà le dase
passi córti de morósi
i sospìri e pò i to basi.
Se podéssa.
Se podéssa
fermar en pèz
mèio ancór tirar endrìo
le raze sguèlte del rolòi
sempre pién de tanta prèssa
tacar su ancór i fòi
che è cascà dal calandàri.
Se podéssa.
 
 
 
Se potessi
Se potessi./ Se potessi spegnere/ tutte quante le luci/ e poi come un vecchio/ mago che adopera/ la sua bacchetta accendere/ la luna matta/ accenderla solo per noi/ proprio intanto che facciamo l'amore./ Se potessi.// Se potessi/ seduto sulla panchina/ ascoltare silenzi densi/ delle ombre spilungone/ il respiro debole/ nella notte che tace/ il vento che canta/ fra le frasche/ passi corti di morosi/ i sospiri e poi i tuoi baci./ Se potessi.// Se potessi/ fermare a lungo/ meglio ancora tirare indietro/ le lancette svelte dell'orologio/ appendere ancora i fogli/ che son cascati dal calendario./ Se potessi.
Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 06:25
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.5541 seconds.