Guido Leonelli Questo sito utilizza cookie tecnici finalizzati esclusivamente a garantire il corretto funzionamento del sito e a facilitare la navigazione e l'utilizzo delle sue varie funzionalità, inclusi cookie di statistica per raccogliere informazioni in forma aggregata e anonimizzata. Se non vuoi ricevere cookie da questo sito, non visitarlo.
Per saperne di più sui cookie
www.garanteprivacy.it/cookie
Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Menu  Menu
 Home page
 Chi sono
 Note bibliografiche
 La mia poesia
 Le mie raccolte
      Rfoi de destrni
      Uce che sponze
      Sgve de vita
      Amor en znzorla
      Sol e ngole en riva al lach
      Far buti nvi
      An bisst
      La rda
 Recensioni
 Montagna
 Links
 Contatti

Statistiche  Statistiche

Visite totali:1062708


Le mie raccolte » Rfoi de destrni

 

 

Sènza amór

 

Pòl èsserghe
en dì
senza sól,
en prà
senza fióri,
na casa
senza pòpi,
en fogolàr
senza fòch,
na nòt
senza ‘l ciàr de luna;
ma n’òm desperà
senz’amór,
el vèn spazzà via
dal vènt
come zéndro
sènza brase.
 
 
 
Senza amore
Può esserci/ un giorno/ senza sole,/ un prato/ senza fiori,/ una casa/ senza bambini,/ un focolare/ senza fuoco,/ una notte/ senza il chiaro di luna;/ ma un uomo disperato/ senza amore/ viene spazzato via/ dal vento/ come cenere/ senza brace.
 
 

 

 

Matelòt che nasse

 

 
Quan che ‘l sól el se scónde
drìo le zìme ancór ciare
e scomìnzia a fumar
i camìni de le case,
quan che ‘l dì ‘l va a morìr
da lì a ‘n momènt
e l’ombrìa de le case
la se slónga come dase,
vardo le luméte
che una a una le se ‘mpizza
entél ziél
entór a 'n zeslòt de luna;
l’è ‘n dì che se smòrza
per lassàrghe ‘l pòsto a la nòt
e al dì che la pòrta:
vècio che mòre,
matelòt che nasse.
 
 
Bambino che nasce
Quando il sole si nasconde/ dietro alle cime ancora chiare/ e cominciano a fumare/ i camini delle case,/ quando il giorno va a morire/ in poco tempo/ e l'ombra delle case/ si allunga come i rami,/ guardo le lucette/ che una alla volta si accendono/ nel cielo/ intorno ad un falcetto di luna;/ è un giorno che si spegne/ per lasciare il posto alla notte/ e al giorno che porta:/ vecchio che muore,/ bimbo che nasce.

 

 

 

 

Terlaìna

 
Tacàda al cantér encarolà
del vècio bàit de la légna
na terlaìna
fina
de giomètrica precisión
la se mòve apéna
al levar de la bavesèla
lizéra
de la matina.
Le ultime gózze tónde
de rosada
le sluse
come pèrle al sól:
spegéti ‘mpizzadi
per moscati ‘nnamoradi.
Perfezión de la natura
capolavoro de architetura
de ‘n ragn meticolós
che, scondù
‘ntél cantón pu alt,
el spèta con paziénza
de far colazión.
 
 
 
Ragnatela
Appesa al travetto tarlato/ della vecchia legnaia/ una ragnatela/ sottile/ di geometrica precisione/ si muove appena/ all'alzarsi dell'arietta/ leggera/ della mattina./ Le ultime gocce rotonde/ di rugiada/ brillano/ come perle al sole:/ specchietti accesi/ per moscerini innamorati./ Perfezione della natura/ capolavoro di architettura/ di un ragno meticoloso/ che, nascosto/ nell'angolo più alto,/ aspetta con pazienza/ di fare colazione.
 
 

 

 

 

 

Marionéta

Quan che te te sènti vòit,
stranià,
col stómech che ‘l se revèrsa,
le récie che fis'cia,
la tèsta sgaùssa
che va per so cónt;
quan che te tóca ciapàrte
‘n prèssa
per no nar én tèra,
te gài ciàra la sensazión,
la misura,
de quel fil fin che te lìga
e che te tègn su:
marionéta!
Demò alór te capissi
che basta pròpi ‘n gnènt
perché ‘l se róta.
 
 
 
Marionetta
Quando ti senti vuoto,/ smarrito/ con lo stomaco che si ribalta,/ le orecchie che fischiano,/ la testa vuota/ che va per conto suo;/ quando sei costretto ad aggrapparti/ in fretta/ per non cadere per terra,/ hai chiara la sensazione,/ la misura/ di quel filo sottile che ti lega/ e che ti tiene diritto:/ marionetta!/ Solo allora capisci/ che basta proprio un niente/ perché si rompa.
 
 

 

 

Castèi de sàbia

 
Su ‘ntéi pradi vérdi dei recòrdi
entéi bóschi dal bonodór de rasa
o su le rive del mar
endó che avén costruì
i castèi de le nosse fantasìe
e ‘mpizzà fòghi etèrni,
è vegnù zó gréf
'n silènzio de zimitèri
che l'à scancelà tut.
 
Adès,
enté l’alba dólza
de na nòva primavéra,
mut, col gróp en góla,
spèto che l’èco fedél
el me daga de vòlta
vif
almén el recòrdi
che 'l svanìs col tèmp
per deventar destràni.
 
 
 
Castelli di sabbia
Sui prati verdi dei ricordi/ nei boschi dal profumo di resina/ o sulle rive del mare/ dove abbiamo costruito/ i castelli delle nostre fantasie/ e acceso fuochi eterni,/ è sceso pesante/ un silenzio di cimitero/ che ha cancellato tutto.// Adesso,/ nell'alba dolce/ di una nuova primavera,/ muto, col nodo in gola,/ aspetto che l'eco fedele/ mi restituisca/ vivo/ almeno il ricordo/ che svanisce col tempo/ per diventare nostalgia.
Calendario  Calendario
Data: 26/07/2021
Ora: 06:03
« Luglio 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 

Home page |  Chi sono |  Note bibliografiche |  La mia poesia |  Le mie raccolte |  Recensioni |  Montagna |  Links |  Contatti
Powered by FlatNuX! Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed
Powered by  FlatNuX  © 2003-2005| Site Admin:  Guido | Full Map | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.

Page generated in 0.6071 seconds.